S. Maria delle Mole

Menù

HOME

Chi Siamo

Cerca

Sono QUI

Geo Tour

Mappa Rioni

Articoli

Tutti

I più letti

I più commentati

Nazionali

S. Maria delle Mole

Castelli Romani

Cava dei Selci

Frattocchie

Marino

Volontari Decoro Urbano

Rubriche

AVVISI

Benessere

Concittadini

Cucina

Donne per le Donne

Focus

Il Mio Covid 19

L'avvocato Risponde

Salute

Sport

Storia

Servizi

Almanacco

News di Rilievo

Carburanti

Covid a Marino

Farmacie/Medicina

Meteo  (17,53°c)

Mezzi Pubblici

Numeri Utili

Panoramiche in WebCam

Parrocchie

Polveri Sottili

Terremoti

Video Informativi

Lavoro

Cerco Lavoro

Offro Lavoro

Cerco/Offro Lavoro

Eventi e Spettacoli

Da Non Perdere

Castelli Romani

Guida TV

Segnalazioni

Le Tue Opinioni

Immagini Storiche

Forum

Protocollo

Contatti

Copyright

LogIn

 

 

 

A luglio l’avvio del reddito di cittadinanza locale a Marino: chi spetta il beneficio?

 

 

 

  

 

S. Maria delle Mole: A luglio l’avvio del reddito di cittadinanza locale a Marino: chi spetta il beneficio?

S. Maria delle Mole
22/06/2018
Domenico Brancato

 

L’Amministrazione comunale con questo provvedimento intende offrire alle persone che hanno perso il lavoro, in  età di difficile ricollocazione, compresa fra i  43 e i  58 anni,  l’opportunità di inserirsi in un programma di riqualificazione professionale compatibile con le loro competenze e capacità operative.

I cittadini che disporranno dei molti restrittivi requisiti riportati nell’allegato Modello per la “Richiesta Reddito cittadinanza”, da presentare entro il 16 Luglio 2018, fruiranno per 6 mesi, rinnovabili al massimo per altri 6 mesi,  di un assegno di importo variabile da 400 a 450 a 500 ed a 600 euro, a seconda se trattasi di  singole persone o di famiglie composte da 2, 3 e più di 3 componenti.

In  relazione alla previsione di  stanziamento in bilancio di 300 mila euro, per tale finalità, si prevede che di tale beneficio potranno godere circa 100 disoccupati residenti nel Comune di Marino.

Articolo redatto dal professor Domenico Brancato

 

 

Domenico Brancato
22/06/2018
Articolo letto 1.804 volte

S. Maria delle Mole

 

 

 

Bruni Immobiliare

Compravendite Affitti
Residenziale Commerciale
Terreni edificabili
Notaio in sede Consulente finanziario
 
 
 
Bruni Immobiliare
Federica Bruni Agente Immobiliare da anni, dopo aver compiuto gli studi di Architettura e dopo aver lavorato presso un’azienda di famiglia che si occupava di edilizia, ha potuto sviluppare tecniche conoscitive in merito alla cantieristica.
Si abilita presso la CCIAA di Roma e fa esperienza nel campo immobiliare affiancando per un periodo il vicepresidente FIMAA (Federazione Italiana Mediatori Agenti Affari) per poi intraprendere l’attività di Agente Immobiliare su Roma e Castelli Romani.
 
 
Associata FIMAA, alla quale e’ iscritta dal 2009, grazie ai numerosi convegni e ai continui programmi formativi organizzati dall'associazione cui ha partecipato, ha acquisito una notevole e specifica competenza in materia, assistendo la clientela nelle compravendite e locazioni; nella cantieristica; offrendo servizi di consulenza sia immobiliare che per ciò che riguarda i finanziamenti oltre alle problematiche urbanistiche che alle valutazioni degli immobili.
 
LA PROFESSIONALITA' AL TUO SERVIZIO​​​​​​
CASA TE LA VENDE BRUNIMMOBILIARE
VENDI BENE, SCEGLI BRUNIMMOBILIARE
 
Bruni Immobiliare
immobiliarebruni@gmail.com
067934105
3208818415

 

2 immagini

 

 

 

FraWeb.it

HAI NECESSITA’ DI UN SITO WEB?
Realizziamo siti web di ogni dimensione e per qualsiasi esigenza.
Curiamo ogni progetto a 360 gradi, dagli aspetti tecnici alla redazione di testi e slogan pubblicitari.
Dal semplice sito vetrina del piccolo esercizio commerciale, fino al sito corporate della grande azienda e ai complessi progetti editoriali ed e-commerce.
 
Siti completamente responsive. Fruibili da qualsiasi dispositivo.
Un sito ben fatto porta solo guadagno.
Un gestionale per la tua azienda, fatto su misura per le tue necessità.
 
FraWeb.it si è ormai consolidata nel settore informatico, grazie ad una lunga esperienza. Professionalità, qualità e convenienza sono gli elementi che ci identificano.

I nostri siti web si distinguono tutti per facilità di gestione, chiarezza e ampia compatibilità tecnologica.
 
– Grafica su misura
– Sito responsive
– Hosting e dominio incluso in offerta
– Settaggio mail personalizzata
– Cura sui particolari
– Ottimizzazione SEO
– Ottimizzazione per Google
– Report accessi
– Assistenza gratuita
– Formazione all’uso del sito
– Integrazione con i social network
– Adeguamento alle normative privacy
 
Per ottenere subito il tuo preventivo personalizzato puoi compilare il modulo di contatto presente in Questa Pagina, oppure inviare una mail a info@fraweb.it
Puoi anche contattarci telefonicamente al numero  (+39) 347 33 25 851 - a tua disposizione per rispondere a tutte le domande.

 

 

Commenti

 

Commento di: Maurizio Aversa

S. Maria delle Mole
23/06/2018 01:19:09

 

 

Ho provato a fare due conti sul contenuto presentato da Brancato. Facciamo media mensile 500 euro. 500 X 6 Mesi = 3.000 euro. Quindi se sono 300 mila gli euro a disposizione, sono CENTO e non 600 le persone che ne potranno usufruire. Sbaglio?
Inoltre, la "presentazione" del "reddito di cittadinanza" che il M5S due anni fa in un primo momento (mediatore Cacciatore) aveva ipotizzato di voler confrontare col PCI di Marino; in secondo tempo ha negato il confronto. Ciò ha comportato che strumenti di esperienze simili che noi volevamo portare al comune perchè realizzate altrove in Italia (con sindaci comunisti) ha fatto passare inutilmente due anni circa. Il danno? Non è tanto e solo politico (nei rapporti negati), quanto per i cittadini che in questi due anni non hanno neppure potuto usufruire del welfare comunale. Infatti, in precedenza anche le giunte di destra svolgevano attività di welfare per circa la stessa somma, anche se diretta regolamentariamente verso fasce differenti, ma sempre sofferenti, di popolazione.
Conclusione: il reddito di cittadinanza è semplicemente un intervento sociale parziale. Non c'è stata davvero una scelta pesante di bilancio. Ad esempio, oltre i 300 mila - ci sono testimoni chi partecipò agli incontri con la giunta Silvagni - noi proponemmo un fondo ulteriore di 500 mila euro. Tanto per non lasciare zone d'ombra. Grazie.

 

 

Commento di: Antonio Calcagni

24/06/2018 10:40:33

 

 

Buongiorno Maurizio, la matematica non è un'opinione, pertanto il conteggio che tu fai è esatto.Verificheremo se abbiamo commesso noi un errore di trascrizione dagli atti ufficiali, altrimenti ci troveremo di fronte ad un incredibile errore di programmazione.

 

 

Commento di: DOMENICO BRANCATO

Spigarelli
24/06/2018 12:06:21

 

 

Gentile Maurizio Aversa
Grazie per la opportuna osservazione sulla errata quantificazione del numero di Cittadini ( 100 ) che si prevede possano fruire del Reddito di Cittadinanza che, come accertato, risponde esattamente a quanto ipotizzato dalla Giunta Colizza. Poiché, il numero inesatto riportato nella nota ( 600 ) è stato tratto dall'articolo, sull'argomento, del 20 Giugno 2018 di Repubblica.it.

 

 

Commento di: Enzo candi

26/06/2018 20:11:29

 

 

Prof.Brancato dimentica di dire che i 100 disoccupati che usufruiranno del cosiddetto reddito di cittadinanza come lei ha scritto sempre facendo due conti coprirà solo sei mesi .solo per chiarezza e non polemica saluti Enzo Candi

 

 

Commento di: Gianni Morelli

27/06/2018 21:13:54

 

 

A mio avviso l'articolo meritava commenti di diversa natura da quelli che ho letto, alcuni impostati a chi è più bravo a fare le divisioni altri a rivendicare posizioni politiche precedenti. Infatti dal mio punto di vista commenterei più il significato politico che questa iniziativa, sicuramente apprezzabile, contiene. Si tratta della prima conferma a livello locale della possibilità di confermare quanto promesso in sede di propaganda elettorale da parte del M5S. Allora, più che criticare le conoscenze aritmetiche del latore dell'informazione, i punti su cui impostare i commenti dovrebbero essere incentrati sulla reale efficacia di questo provvedimento richiedendo direttamente al Comune, tramite i nostri rappresentanti, chiarimenti del tipo:
- quanti cittadini godono già del reddito di 'inclusione' ?
- quanti cittadini risultano nella condizione di poter godere del reddito di 'cittadinanza' ? (più o meno di 100 ?)
Infatti, senza informazioni di questo tipo, non è possibile valutare l'impegno economico necessario e valutare i criteri di scelta
Inoltre sarebbe importante richiedere allo stesso Comune di garantire trasparenza circa lo stato di avanzamento di questa iniziativa del tipo:
- aggiornamento sullo stato delle domande ricevute
- aggiornamento sullo stato delle domande considerate valide
- aggiornamento di quanti cittadini abbiano tratto vantaggio da questa iniziativa
E tutto questo, non per una posizione di critica o di opposizione, ma per poter seriamente valutare il valore aggiunto che deriva dall'iniziativa stessa

 

 

Commento di: maurizio aversa

01/07/2018 14:34:28

 

 

Torno volentieri sull'argomento visto l'interesse che sta suscitando. E, senza nulla togliere agli altri intervenuti, vorrei far perno sulla centralità politica richiamata - da quel che sembra un ben disposto a dare credito - dell'iniziativa della Giunta M5S come fa il gentile Gianni Morelli. Non le posizioni politiche precedenti ma il giudizio politico sulla novità, a questo invita Morelli. Appunto, è proprio qui che casa l'asino. Quindi, alle sue domande sul reddito di inclusione etc. aggiungo queste due considerazioni: Quando il PCI ha chiesto incontro con la Giunta, anche da fare pubblico a noi non costava nulla, abbiamo consegnato una serie di quesiti, tra cui quei dati che anche Morelli chiede oggi. E' facile dire ora che se fossero stati soddisfatti questo dibattito non poggerebbe su sabbie mobili, ma conoscenze certe. Seconda considerazione: La novità politica, è dura soprattutto per i ben disposti o simpatizzanti o sostenitori un po' acritici del M5S, non esiste. Vediamo e chiariamo: i capitoli di bilancio, il ramo assessorile, la linea politica sul cosiddetto reddito di cittadinanza, sono nel solco dei Servizi Sociali, cioè dell'assistenza. Ora va detto chiaramente che è nobile, necessario, indispensabile perfino visti i tempi, erogare servizi sociali, utilizzare politiche assistenziali. Tutto ciò, però, senza dire che il "pancotto" in versione nuova si chiama "pan bagnato", non va spacciato nè per rivoluzione, nè per novità, e neppure con la sicurezza - se non si modificano le somme a disposizione con scelte di bilancio - che abbiamo trovato una qualche soluzione per le centinaia di giovani e meno giovani espulsi, o non entrati, o iperprecarizzati sul fronte lavoro. Concludendo, mischiando le parole la Giunta M5S sta facendo con parametri e numeri differenti (con minor platea dei destinatari!) sta facendo esattamente una "normale" politica assistenziale che è giusto fare. Sta spendendo tempo, fatica e intelligenze a urlare che questo sia un mondo fantasmagorico. Ha speso, bruciato, tempo e quindi mancata assistenza - ad esempio continuando ad adottare un metodo già vigente seppure volendolo cambiare - ad alcune centinaia di persone che lo scorso anno e questo non stanno ottenendo nulla! Chi ci ha rimesso, insomma, invece che sostenere scelte del genere, se ben informato farebbe bene a prenderle a calci queste decisioni! Grazie per l'attenzione

 

 

Commento di: Gianni Morelli

01/07/2018 20:56:27

 

 

Finalmente una risposta. Infatti, leggendo le osservazioni di una persona sicuramente più addentrata di me nelle cose politiche, mi sembra di capire che l'introduzione di questo annunciato 'reddito di cittadinanza' non aggiunga finanziamenti a quelli già storicamente elargiti sotto l'etichetta di 'servizi sociali' e che quindi si tratta di una nuova etichetta apposta su un servizio già esistente. Premesso che io sono sempre pronto a 'dare credito' a chiunque prometta iniziative favorevoli ai meno abbienti e che prescindo dal 'colore politico' di chi le propone, l'obiettivo che sempre mi pongo è quello di cercare di impostare un sistema di verifica che permetta di valutarne, in prima istanza l'effettiva introduzione e poi la reale validità ed il suo vero impatto sulla condizione sociale dei beneficiari, se mai ce ne saranno. Per dirla tutta sono abbastanza scettico sul fatto che la diffusione di questa notizia da parte della nostra Amministrazione non sia parte della continua propaganda elettorale del M5S, ma vorrei stimolare chi ci rappresenta ad effettuare le verifiche che ho richiesto esaminando la documentazione prodotta (trasparenza) ed a divulgarne i risultati con un linguaggio possibilmente comprensibile anche ad uno che, come me, non è avvezzo al linguaggio politico, per esempio con i numeri. Non credo che un rifiuto a voler discutere del provvedimento possa impedire di proseguire nei controlli di quanto in Comune si sta facendo. E sono convinto che tocca all'opposizione ampliare la platea, magari con dibattiti tipo questo, o con la realizzazione di sistemi di comunicazione più vicini alla cultura dei cittadini, o tenendo aperte le sedi dei partiti, o offrendo servizi alla cittadinanza che ha difficoltà a spostarsi, o con manifestazioni di piazza, o................ . E non vedo nessuna iniziativa di questo genere in corso di realizzazione, ma partecipo ad inutili incontri in cui gli intervenuti discutono di 'rottamatori' e di 'rottamati'.
Con simpatia

 

 

Commento di: Gianni Morelli

02/07/2018 00:24:39

 

 

Domenica il reddito di inclusione diventerà universale. Come previsto dall’ultima legge di Bilancio del governo Gentiloni raddoppia la platea dei beneficiari che sale così a più di 2 milioni e mezzo di italiani. L’ammontare del nuovo Rei sarà commisurato unicamente al reddito.
Cadono dunque le prerogative inizialmente previste legate alla composizione del nucleo familiare come la presenza in famiglia di almeno un minore, un disabile, una donna in stato di gravidanza o di un disoccupato over 55. Adesso tutti potranno presentare domanda all’Inps. Al Governo stiamo chiedendo di rafforzare questa importante misura di sostegno e di raddoppiarne il finanziamento per poter rapidamente raggiungere quei 5 milioni di italiani che, dati Istat, vivono in povertà. Dopo un mese di governo siamo già al settimo consiglio dei ministri che si conclude con un nulla di fatto e ne è prova il calendario dei lavori parlamentari della prossima settimana che vede l’aula di Montecitorio riunirsi un solo giorno proprio per l’assenza dei provvedimenti del Governo.
Al presidente Conte diciamo di non perdere più tempo e di portare subito in parlamento una seria agenda sociale che preveda il potenziamento e l’estensione del reddito d’inclusione. Noi la discuteremo senza pregiudizio.
Graziano Delrio

 

 

 

 

Vuoi essere subito avvisato via mail quando un articolo come questo viene pubblicato?

Vai a fine pagina e clicca sul bottone verde "RIMANI INFORMATO"

La Nostra Voce

NOI DIAMO SPAZIO AL CITTADINO
BASTA CON LA POLITICA SUI SOCIAL
 
La Nostra Voce è anche La Tua Voce
 
Il Portale di Santa Maria delle Mole è nato proprio per tale scopo.
 
Indipendentemente dal nome ci occupiamo di tutte le problematiche delle frazioni “a valle” del comune di Marino e quindi di; Castelluccia, Cava dei Selci, Due Santi, Fontana Sala, Frattocchie e Santa Maria delle Mole.
Portiamo avanti, già da anni e con evidenti risultati, questo impegno in modo assolutamente apolitico ed intendiamo sottolinearlo APOLITICO 

Perché questo:
In molti hanno tentato di percorrere tale strada ma alla fine si sono sempre dimostrati quel che intendevano mascherare; lavorare solo per scopi personali e di partito.
Infatti come potete tastare con mano:
- Tutti i siti tematici sono stracolmi di politica e pubblicità.
- Tutte le pagine e, ancor peggio, tutti i gruppi Facebook di zona sono ormai monopolizzati da tre/quattro individui che ci martellano dalla mattina alla sera di pubblicazioni politiche ed inserzioni pubblicitarie di attività in loco. Non portano benefici ma rimbalzano incessantemente informazioni già note!

Non è rimasto più spazio per chi vuole lamentarsi del solito malcostume comunale o di quelle problematiche che rendono difficile il quieto vivere perché soffocati da questo indecente comportamento.

Per tale motivo, noi APOLITICI ed ASCOLTATORI della comunità, abbiamo deciso di dare un taglio a tutta questa indecente volgarità di comportamento e dedicare delle aree per portare alla luce, solo e soltanto, le nostre difficoltà di vita.
Per la risoluzione delle problematiche ce ne occuperemo sul portale ed anche a suon di carte bollate, ove necessario!

 
Per qualsiasi problematica questo portale mette già a disposizione un Forum dove chiunque può dire la propria. Esiste anche la possibilità di intervenire sulle argomentazioni pubblicate periodicamente.

Per non creare troppa confusione e per coloro che non sono in grado di utilizzare tali strumenti ma sanno come muoversi sui social: abbiamo attivato degli Speciali Gruppi su Facebook per ogni frazione. Scegli il gruppo a te dedicato:
E’ ben inteso: A nessuna comunicazione politica, pubblicitaria o di semplice frivolezza verrà dato spazio.

 
Castelluccia e Fontana Sala:
Sono di Castelluccia - Fontana Sala ... senza SE
facebook.com/groups/castellucciafontanasalaplus/

Cava dei Selci:
Sono di Cava dei Selci ... senza SE
facebook.com/groups/cavadeiselciplus/

Due Santi:
Sono di Due Santi ... senza SE
facebook.com/groups/duesantiplus/

Frattocchie:
Sono di Frattocchie ... senza SE
facebook.com/groups/frattocchieplus/

Santa Maria delle Mole:
Sono di Santa Maria delle Mole ... senza SE
facebook.com/groups/santamariadellemoleplus/
 
Tutti questi gruppi sono gestiti da personale ultra qualificato e già facente parte della nostra redazione.
Esponete problemi ma mai parlare di politica, di attività commerciali, di ricette, cani e gatti smarriti e tutti quegli argomenti già martellanti altrove.

Siete i benvenuti a “Casa Vostra” ed il vostro smartphone smetterà di suonare o vibrare in continuazione per inutili motivi.
 

Tag: #luglio #lavvio #reddito #cittadinanza #locale #Marino #spetta #beneficio