S. Maria delle Mole

Menù

HOME

Cerca

Diretta Streaming

Articoli

Tutti

I più letti

Nazionali

S.Maria delle Mole

Cava dei Selci

Frattocchie

Mappa Rioni

Rubriche

AVVISI

Benessere

Concittadini

Cucina

Famiglia nel Diritto

Focus

Salute

Sport

Storia

Servizi

Almanacco

Chat

Covid a Marino

Medicina/Farmacie

Meteo

Parrocchie

Polveri Sottili

Terremoti

Trasporti

Lavoro

Cerco Lavoro

Offro Lavoro

Cerco/Offro Lavoro

Segnalazioni

Sondaggi

Immagini

Forum

Protocollo

Contatti

Copyright

LogIn

 

 

 

Storia
Villa di Fiorano: il fontanile dell’Annunziata

 

 

 

Storia: Villa di Fiorano: il fontanile dell’Annunziata

Storia
15/10/2020
Eleonora Persichetti

 

A ridosso della via Appia Antica, nei pressi dell’Aeroporto G. B. Pastine di Ciampino, c’è un luogo incantato immerso tra il verde della campagna romana e gli antichi ruderi testimoni di un illustre passato: Villa di Fiorano. Un casale di campagna ereditato dal Principe Alberico Boncompagni Ludovisi e trasformato nel Novecento dall’architetto Buzzi in un gioiello oggi proprietà della famiglia Antinori che ospita durante tutto l’anno prestigiose manifestazioni oltre feste e matrimoni. È conosciuta da molti come il set cinematografico del capolavoro di Paolo Sorrentino, “La Grande Bellezza” del 2013, passando al film “Spectre”, di Sam Mendes del 2015, con la splendida interpretazione di Monica Bellucci, regina di casa, per poi finire con “Modalità aereo” del regista Brizzi del 2019. La presenza di questa proprietà del Monastero di San Saba (San Gregorio) è già citata in un documento del 950 d.C. riportato dagli annalisti camaldolesi in cui si fa menzione di un fondo chiamato Palombario con annesso un casale, già divisi da un muro di selce (“limite salvineum” che correttamente dovrebbe corrispondere a “limes siliceus”), con una fontana di acqua viva e una chiesa ormai deserta (abbandonata),dedicata a Maria Genitrice (S. Maria Dei Genitrix), realizzata all’interno di una antico monumento sepolcrale presso l’VIII miglio (cum monumento suo quod est crypta rotunda…), che la maggior parte degli studiosi identifica nella cosiddetta “Berretta del Prete”. In seguito divenne proprietà del Monastero di San Paolo fuori le mura, come risulta da un atto redatto nel dicembre del 1378 a favore di Giordano Orsini signore del Castello di Marino,trisavolo della ben più famosa Clarice Orsini moglie di Lorenzo il Magnifico. In tale documento veniva rilasciata al nobile romano tale proprietà in “enfiteusi”, cioè in affitto per ben tre generazioni, dietro un pagamento annuo di settanta fiorini papali.
 
Sito, inoltre, di numerose scoperte archeologiche nel passato come risulta dagli scavi eseguiti da Gavino Hamilton a fine Settecento, come da quelli del maggio del 1863 di Lorenzo Fortunati che prefiguravano un ambiente termale o un ninfeo, visti gli elementi scultorei ivi rinvenuti, di una sontuosa villa di campagna (Cesio Basso?). Un ambiente descritto come ninfeo fu rinvenuto a circa duecento metri dall’altro lato della via Appia Antica nel 1927 durante lo scasso del terreno come sappiamo da G.B. De Rossi. Resti architettonici riconducibili a simili strutture permangono persino tra la vegetazione a ridosso del Fosso delle Cornacchiole o Fosso di Fiorano.La presenza dell’acqua viene descritta dallo stesso Prof. Lanciani nei primi del Novecento che rifacendosi alla testimonianza del Nibby, ricordava il restauro di un antico acquedotto romano probabilmente derivante da quello di Bovillae e la realizzazione di uno scenografico e monumentale fontanile da parte di Don Orazio Albani, come attestato anche da un’epigrafe annessa:
 
AQVAM FLORANI DIV INTERCEPTAM
ET ABERRANTEM PVRGATO FONTE RESTITVTO DVCTV
NOVIS ADIECTIS VENIS AD PRISTINVM LACVM
REDVCENDAM CVRARVNT HORATIVS ALBANVS
CLEMENTIS XI GERMANVS FRATER...
ANNO SAL. MDCCIV
 
Un fontanile, dunque, capolavoro dell’arte barocca, impreziosito da un bassorilievo in marmo di forma circolare dove vi era rappresentata l’immagine dell’Annunciazione, motivo che ne ricordava la proprietà del luogo affidata, dal Monastero di San Gregorio, all’omonima Arciconfraternita già dal 1527.Una raffigurazione, piccolo tesoro dell’arte, oggi scomparsa , che al pari del fontanile può essere attribuibile a quella cerchia di grandi artisti su cui poté contare l’Albani come curatore delle opere commissionate dal fratello, Papa Clemente XI: tra essi spiccano l’architetto Carlo Fontana e lo scultore Francesco Maratti. Allievo egli stesso del famoso pittore Carlo Maratti, Orazio trasmise questo suo amore per l’arte al figlio, quel Cardinal Alessandro Albani la cui villa impreziosita di antichità romane, oggi Villa Albani sulla via Salaria, fu in seguito scrigno della straordinaria Collezione Torlonia.
 
 
Marco Bellitto
lavocedeicastelli.com
 
 

 

 

Eleonora Persichetti
15/10/2020
Articolo letto 210 volte

 

 

 

 

 

 

Vuoi essere subito avvisato via mail quando un articolo come questo viene pubblicato?

Vai a fine pagina e clicca sul bottone verde "RIMANI INFORMATO"

SOSTIENI SMARIAMOLE IT

Il Comitato di Quartiere che gestisce questo portale informativo è a tutela di Santa Maria delle Mole, Cava dei Selci e Frattocchie inoltre sostiene tutti gli altri CdQ territoriali e le Associazioni No-Profit dell’Interland.
 
Se hai a cuore il tuo ambiente e vuoi difenderlo, tutelarlo ma non hai i mezzi o capacità, noi siamo al tuo fianco.
Offriamo i nostri servizi unicamente ad Aziende e/o Privati che svolgono la propria attività nella nostra area geografica.

 
Vuoi pubblicizzare la tua azienda in questo portale?
Sostienici e potrai usufruire di pubblicità gratuita.
 
Noi non noleggiamo spazi pubblicitari.
 

 
Diventa Socio Sostenitore del Comitato di Quartiere ed avrai il tuo spazio.
 
Sarà un'ottima vetrina per la tua azienda o punto vendita.
 
I banner pubblicitari sono ben visibili da qualsiasi dispositivo.
 
Per potere dare risalto alla tua attività commerciale, ciò che devi fare è molto semplice e veloce: Contattaci.
 
 
 
 
Puoi richiedere informazioni, tramite il nostro “Modulo”, ai seguenti contatti:
 

- Presidente Antonio Calcagni
 

- Francesco Raso (responsabile web)