S. Maria delle Mole

Menù

HOME

Chi Siamo

Cerca

Diretta Streaming

Articoli

Tutti

I più letti

I più commentati

Nazionali

S. Maria delle Mole

Cava dei Selci

Frattocchie

Mappa Rioni

Rubriche

AVVISI

Benessere

Concittadini

Condominio Cafe'

Cucina

Donne per le Donne

Famiglia nel Diritto

Focus

Il Mio Covid-19

Salute

Sport

Storia

Servizi

Almanacco

Chat

Covid a Marino

Medicina/Farmacie

Meteo

Numeri Utili

Parrocchie

Polveri Sottili

Terremoti

Trasporti

Video Informativi

Lavoro

Cerco Lavoro

Offro Lavoro

Cerco/Offro Lavoro

Segnalazioni

Sondaggi

Immagini

Forum

Protocollo

Contatti

Copyright

LogIn

Meteo

Domenica 9
  22°c
Lunedì 10
  24°c
Martedì 11
  19°c
Mercoledì 12
  18°c

a cura del
Comitato di Quartiere

  • Il Grande Portale di
    Santa Maria delle Mole

  • Storico Covid-19
    nel Comune di Marino

  • Che Aria Respiri?
    Noi la Controlliamo

  • C'era una volta.
    Le foto di S.Maria scomparsa

  • Tieniti informato.
    Le news del tuo rione

  • Entra anche te in discussione.
    Fai sentire la tua voce

Fase Lunare

Sito donato da
Francesco Raso

Santa Maria delle Mole

Santa Maria delle Mole

Il portale del cittadino

 

FARMACIE DI TURNO
OGGI: AMELI - Via Nettunense, 165 Castelluccia Tel: 06 93 10 713
AUTOCERTIFICAZIONE - Clicca Compila e Stampa
Situazione Covid-19 al 04/05/2021
Positivi:266    Isolamento Cautelare: 16
Guariti:2612    Attesa Tampone: 0
Deceduti:68

 

 

 

 

 

Telecamere sul territorio

 

 
Particolato CIA 00:33 ► PM10: 9.95 µg/m³ - PM2.5: 4.03 µg/m³

 

 

 

 

 

Pedalando verso il futuro


Frattocchie (346)
Eleonora Persichetti

È partito il Progetto Pedalando verso il futuro, presentato dalla scuola Primo Levi, con l’obiettivo di promuovere l’uso delle due ruote.
 
Questa iniziativa è vincente perché si presenta come un modello di lavoro flessibile e non un progetto end to end fine a sé stesso. Una proposta fatta dai ragazzi e strutturata grazie alle loro idee, ai loro desideri ed aspirazioni, supportata dagli adulti (docenti, genitori, associazioni, comitati, amministrazione comunale), dove le esperienze e le competenze condivise si concretizzano nella realizzazione degli obiettivi prefissati. Un’intera comunità al servizio del territorio passa anche per una semplice bicicletta.
 
É un progetto ambizioso ma non presuntuoso – sostiene la Prof.ssa Barbara Balsamo – che esprime il desiderio nonché il bisogno di un territorio maggiormente a misura di giovani perché andare in bicicletta in sicurezza non è una velleità, bensì un diritto e un dovere per una società più attenta all’ambiente e agli stili di vita sani. Cosa c’è di meglio se non iniziare dall’ascolto attivo dei nostri ragazzi? Dei loro bisogni e delle loro esigenze, e dal riemergere di vecchie abitudini sane, sostenibili ed economiche? Questo progetto si prefigge di effettuare una rottura netta con le attuali malsane abitudini e necessità quotidiane aprendo la strada a nuove e innovative pratiche per restituire colori e odori ormai sommersi dal troppo smog.
La scuola ha realizzato un concorso tra le classi per la creazione del logo del progetto per poi stampare adesivi da applicare su caschi, biciclette e in luoghi dove si vuol sottolineare l’importanza di una mobilità sostenibile e inclusiva.
Abbiamo inoltre erogato corsi di formazione in orario curriculare sulla sicurezza stradale e sul codice etico del ciclista in collaborazione con l’Associazione sportiva ciclistica Bike Roma Club.
Non si vuole promuovere solo l’uso della bicicletta nelle scuole e sul territorio come mera alternativa opzionale bensì cambiare radicalmente l’approccio dei giovani verso la società, la natura e il territorio – continua.
 
Il progetto si prefigge di innovare e sostenere pratiche responsabili attraverso azioni proattive che a partire dal contesto scolastico si diffondano nelle abitudini quotidiane, sperando che i giovani possano contaminare a loro volta il mondo degli adulti. Per questa ragione la scuola si farà portavoce di un cambiamento coordinato e collettivo promuovendo sinergie e collaborazioni tra mondo associativo, amministrazione comunale e regionale.
 
L’impatto positivo che scaturirebbe dall’uso sempre più diffuso e strutturato della bicicletta ha ricadute sulla salute delle persone, sulla natura e l’ambiente, sull’inquinamento da polveri sottili e acustico, sul benessere e la serenità.
 
Il progetto muove i suoi passi anche verso la conoscenza di un territorio ricco di storia, con gite organizzate per ragazzi genitori ed insegnanti, percorrendo la Via Appia Antica fino al Complesso di Massenzio dove una guida turistica illustrerà ai partecipanti i segreti dell’antica mobilità romana.
 
Altro itinerario semplice, ma ricco di natura e storia, sarà il tour del Parco degli Acquedotti con l’impegno di chiudere i cellulari, ascoltare solo i rumori della natura.
 
Tra i tanti obiettivi, uno importante è l’inclusività! I ragazzi della Primo Levi stanno preparando una sorpresa per i loro amici della scuola Vivaldi e Marino Centro per unirsi e condividere quest’esperienza.
 
Ma questo lo vedremo dopo. Alla prossima puntata!!!

Spesa Solidale Femminile

Donne per le Donne (332)
Claudia Benvenuti

Presentazione del progetto
 
Nel nostro territorio sta riscuotendo un grande successo la “Spesa Solidale” che grazie al supporto dei volontari, della distribuzione a cura delle Caritas locali e del sostegno dell’Amministrazione, riesce ad aiutare tante famiglie.
 
Ispirandoci a questa nobile iniziativa abbiamo cercato di capire cosa era preso meno in considerazione nelle donazioni.
 
Siamo un gruppo di donne del Comitato di Quartiere di Santa Maria delle Mole che capiscono bene le necessità non solo alimentari e più generiche di una famiglia. ma si fanno interpreti e portavoce dei bisogni di altre donne che in questo momento sono più in difficoltà.
 
Vogliamo focalizzare la nostra azione con il supporto concreto come accade in altre realtà nazionali o mondiali (vedi “Una volta per tutte” nel panorama romano, “assorbente sospeso” nel Comune di Noci e “I Support the girl” negli Usa per citarne alcuni) dando la possibilità di accesso a quei beni essenziali, primari, non rinunciabili di articoli necessari per la salute e il benessere femminile nelle diverse età e condizioni della donna.
 
Sensibilizzare la popolazione a questo tipo di solidarietà rappresenta un vero passo avanti, un’emancipazione culturale che non è stata ancora raggiunta appieno nonostante siamo considerati un paese sviluppato; si evita di parlare, di considerare, di divulgare informazioni che riguardano l’igiene femminile.
 
Nelle nostre realtà molte donne sono costrette a ridurre drasticamente – se non a rinunciare - l’acquisto di assorbenti e altri articoli necessari per la fisiologia del proprio essere, pensiamo anche alla donna nel puerperio che ha specifiche esigenze e si trova costretta a dover spendere cifre considerevoli per l’acquisto di articoli essenziali nel post parto oppure alle donne che hanno problemi di incontinenza, ma che non possono ancora accedere a servizi gratuiti della Asl per età inferiore a quella richiesta.
 
Consideriamo, inoltre, che gli assorbenti in Italia sono ancora tassati come bene non essenziale al 22%, come se fossero un lusso, qualcosa di cui si può anche fare a meno perché considerato un vezzo.
 
Questa concezione non è ammissibile in una società libera e che fonda il suo essere nel principio del rispetto della persona senza discriminarne sesso, età, stato di salute, orientamento religioso, orientamento sessuale. La nostra iniziativa ha lo scopo di raccogliere prodotti per l’igiene e le necessità femminili quali: assorbenti, proteggi slip, detergente intimo, assorbenti e slip post parto, coppette mestruali, assorbenti e proteggi slip lavabili, coppette assorbilatte.
 
Modalità attuative:
 
  • Istituire punti di raccolta permanenti come sedi dei Comitati di Quartiere, supermercati, sanitarie, farmacie, profumerie ecc. anche mettendo semplicemente un contenitore a disposizione per la raccolta dei prodotti acquistati dai donatori; 
     
  • Organizzare momenti di raccolta in piazze e parchi compatibilmente con la situazione sanitaria in atto;
     
  • Distribuzione attraverso la Caritas locale e su richiesta delle donne direttamente al gruppo volontari dei prodotti raccolti, L’azione del gruppo volontari si esplicherà attraverso la divulgazione dell’iniziativa e l’offerta di giornate informative gratuite su aspetti del femminile (salute fisica, mentale ed emozionale) anche con esperti volontari come possono essere il ginecologo, l’ostetrica, lo psicologo, il pediatra, il naturopata, l’osteopata a titolo esemplificativo.
 
Le spese sostenute per il trasporto, la raccolta, la distribuzione saranno sostenute dai volontari.
 
L’iniziativa, che nasce in un periodo di difficoltà economiche e sociali accentuate dalla pandemia in atto, può comunque diventare permanente in un’ottica di aiuto alle donne del territorio che spesso sono costrette a rinunciare alla salute ,al benessere e alla piena realizzazione del proprio stato sociale.
 
L’idea è quella di essere un riferimento facilmente accessibile a tutte le donne del territorio che sono in difficoltà economica, ma anche rappresentare un supporto, un orientamento, un confronto con altre donne, crescere nel numero accogliendo altre volontarie che si vogliono adoperare e mettere a disposizione per la causa.
 
La femminilità è un orgoglio, la condivisone un’opportunità, la solidarietà un’espressione dei propri valori.
 
Vi invitiamo, sabato 8 maggio alle ore 15:00, presso il punto informativo del parco Appia Antica, alla presentazione del progetto.

Ultime dal FORUM


Anche prima vi era una pista ciclabile. Piccola ma sufficiente ora??? Eliminati tutti gli alberi che a fatica stavano venendo su da 20 anni. E speriamo che non danneggino le opere di urbanizzazione realizzate a fatica....Sono uno che va in bicicletta...mi spiegate a cosa serve una pista di poco più di 1 km??? solo spot elettorali...spot e basta
Io l'avrei...però a Verona!! È per questo che mi piacerebbe avere una finestra anche sul mio paese. Chi è lontano potrebbe avere qualche minuto di quotidianità anche di Santa Maria...
Grazie Patrizio, si e vero 2 cestini sono effettivamente pochi. Provvederemo a richiedere un'integrazione.
Buongiorno, famiglia di tre persone cerca con una certa urgenza bilocale o trilocale in centro (con cucina e servizi ma non necessariamente ammobiliato) , da occupare per un periodo limitato non superiore ai 4 mesi per esecuzione lavori di restauro in casa propria. L'affitto partirebbe dal mese di marzo. Necessità di portare anche 2 gatti. Max affitto 750€. Per manifestazione d'interesse SCRIVERE UN EMAIL A: barrettavalentina@gmail.com.

 

CERCO LAVORO

Inserisci la tua richiesta

Sono una donna di 51 anni con tanti anni di esperienza presso studi legali con la mansione di segretaria e centralinista, cerco un serio lavoro.
Collaboratrice domestica, cerca lavoro anche come baby sitter, aiuto-cuoco..Con referenze controllabili.
Cerco lavoro come badante convivente ho 47 anni non sono automunita ho referenze verificabili sono disponibile da subito per maggiori informazioni contattemi su Messenger
Lievitista- specializzato cornetti top- Esperienza trentennale Cerca lavoro part time pomeridiano

 

OFFRO LAVORO

Pubblica la tua inserzione

LAVORO BACK OFFICE SMART WORKING/DA CASA NO CALL CENTER, NO NETWORK, NO PORTA A PORTA. Il lavoro è da svolgere totalmente da casa o in un ambiente idoneo proprio. Settore delle utilities. È richiesta una buona dialettica, buone capacità all'utilizzo del pacchetto office, pc portatile e disponibilità a fare formazione attraverso strumenti on-line da noi forniti. Non è richiesta alcuna competenza specifica nella vendita. I candidati scelti verranno formati e a loro volta collaboreranno alla formazione di altri candidati. Il candidato scelto incasserà un gettone e un fisso mensile per ogni pratica inserita, il pagamento è settimanale. Richiesto l'invio del curriculum vitae. Il personale selezionato verrà contattato per un colloquio conoscitivo e formativo nel medesimo appuntamento. Si richiede serietà ed interesse per portare avanti un lavoro duraturo nel tempo. Chiediamo gentilmente di astenersi perditempo e di candidarsi solo se seriamente interessati. “Selezioniamo 3 candidati per gestione clienti, presa appuntamenti per ampliamento nostra rete distributiva. Si richiedono: - ottime conoscenze uso pc, office - serietà, disponibilità a fare formazione gratuita e continuativa Dove devono inviare la candidatura le persone: Messenger (riceverete le candidature direttamente al vostro Messenger) Tipo di stipendio: “A settimana” Luogo: Aosta (Non è necessario lo spostamento di regione in regione visto che il lavoro è smartworking e si può fare semplicemente da casa) Tipo di lavoro: “A tempo pieno”

 

 

Dall'amico Kamal una lezione di civiltà

S. Maria delle Mole    (commenti:3) (1.573)
Antonio Calcagni

 
 
Ieri, durante un incontro con un mio amico al parco della Pace, ad un certo punto mi sono reso conto di aver perso il portafoglio.
 
Solo chi ha già vissuto questa esperienza può immaginare quanto possa essere frustrante.
 
La perdita dei soldi, che ricordavo essere di circa 40,00 euro, è infatti l’ultimo dei problemi, quello che stressa veramente sono: il rischio che i propri documenti vadano a finire in mani sbagliate, e quindi blocco delle carte, denuncia di smarrimento ai carabinieri e poi, richiesta di rinnovo di, carta identità, patente, codice fiscale, doc.militare, ecc. ecc.
 
Poi oggi pomeriggio la sorpresa, mi citofona un ragazzo di nome Kamal, italiano di origine marocchina e concittadino di Cava, e mi riporta il portafoglio che ieri sera sua madre ha trovato.
 
Il portafoglio era completo di tutti i documenti e dei soldi, che in realtà erano 95,00 euro.
 
Ancora una volta, si conferma che la vera ed unica distinzione che si può fare tra le persone è tra quelle oneste, e Kamal lo è, e quelle diversamente oneste.
 
Grazie a Kamal ed alla sua mamma per la lezione di civiltà che mi avete regalato.

Il Nostro Lavoro

NOI DIAMO SPAZIO AL CITTADINO
BASTA POLITICA SUI SOCIAL
 
Il Portale di Santa Maria delle Mole è nato proprio per tale scopo.
 
Indipendentemente dal nome ci occupiamo di tutte le problematiche delle frazioni “a valle” del comune di Marino e quindi di; Castelluccia, Cava dei Selci, Due Santi, Fontana Sala, Frattocchie e Santa Maria delle Mole.
Portiamo avanti, già da anni e con evidenti risultati, questo impegno in modo assolutamente apolitico ed intendiamo sottolinearlo APOLITICO 

Perché questo:
In molti hanno tentato di percorrere questa strada ma alla fine si sono sempre dimostrati quel che intendevano mascherare; lavorare solo per scopi personali e di partito.
Infatti come potete tastare con mano:
- Tutti i siti tematici sono stracolmi di politica è pubblicità.
- Tutte le pagine e, ancor peggio, tutti i gruppi Facebook di zona sono ormai monopolizzati da tre/quattro individui che ci martellano dalla mattina alla sera di pubblicazioni politiche ed inserzioni pubblicitarie di attività in loco. Non portano benefici ma rimbalzano incessantemente informazioni già note!

Non è rimasto più spazio per chi vuole lamentarsi del solito malcostume comunale o di quelle problematiche che rendono difficile il quieto vivere perché soffocati da questo indecente comportamento.

Per tale motivo, noi APOLITICI ed ASCOLTATORI della comunità, abbiamo deciso di dare un taglio a tutta questa indecente volgarità di comportamento e dedicare delle aree per portare alla luce, solo e soltanto, le nostre difficoltà di vita.
Per la risoluzione delle problematiche ce ne occuperemo sul portale ed anche a suon di carte bollate, ove necessario!

 
Per qualsiasi problematica questo portale mette già a disposizione un Forum dove chiunque può dire la propria. Esiste anche la possibilità di intervenire sulle argomentazioni pubblicate periodicamente.

Per non creare troppa confusione e per coloro che non sono in grado di utilizzare tali strumenti ma sanno come muoversi sui social: abbiamo attivato degli Speciali Gruppi su Facebook per ogni frazione. Scegli il gruppo a te dedicato:
E’ ben inteso: A nessuna comunicazione politica, pubblicitaria o di semplice frivolezza verrà dato spazio.

 


Castelluccia e Fontana Sala:
www.facebook.com/groups/castellucciafontanasalaplus/

Cava dei Selci:
www.facebook.com/groups/cavadeiselciplus/

Due Santi:
www.facebook.com/groups/duesantiplus/

Frattocchie:
www.facebook.com/groups/frattocchieplus/

Santa Maria delle Mole:
www.facebook.com/groups/santamariadellemoleplus/
 
Tutti questi gruppi sono gestiti da personale ultra qualificato e già facente parte della nostra redazione.
Esponete problemi ma mai parlare di politica, di attività commerciali, di ricette, cani e gatti smarriti e tutti quegli argomenti già martellanti altrove.

Siete i benvenuti a “Casa Vostra” ed il vostro smartphone smetterà di suonare o vibrare in continuazione per inutili motivi.
 

Donne per il Cambiamento - ODV

Nazionali (250)
Eleonora Persichetti

Basta, Basta!
 
Solo qualche giorno fa la nostra Associazione, “Donne per il Cambiamento - ODV”, nel ricordare, ad un anno dalla scomparsa, l’amica Bruna Benelli e il suo impegno di sensibilizzazione sul tema della violenza di genere, esprimeva massima vicinanza e solidarietà ad Annamaria, ennesima vittima della furia omicida del marito, e le augurava di riuscire a farcela; oggi, purtroppo, quella speranza si è infranta di fronte alla notizia della sua morte. Annamaria non ce l’ha fatta!
 
I numerosi interventi chirurgici per salvarle la vita non sono bastati a sottrarla ad un destino per lei segnato: morire per mano di chi diceva di amarla.
Le donne dell’Associazione, impegnate nel contrasto e nella prevenzione di qualsiasi forma di violenza perpetrata ai danni delle donne, si sentono fortemente colpite da questa ennesima, immane tragedia che non può non imporre una profonda riflessione alla comunità locale e spingere nella direzione di non abbassare la guardia per contrastare una spirale di violenza che sembra senza fine.
 
Quante donne sono già morte dall’inizio dell’anno? Tante, troppe! Immagini diverse di uno stesso film che sembra non finire mai, scorrono ogni giorno nello stupore e sconcerto generale.
Quanto tempo dovrà ancora passare per assistere ad un film diverso? A sequenze che ci restituiscano un mondo dove l’autodeterminazione per una donna non sia l’eccezione ma la regola, dove l’aspirazione alla libertà, alla realizzazione e alla felicità non debba essere pagata con la vita?
 
Da questo ultimo dolore che colpisce da vicino la nostra comunità, nasce spontaneo un moto di ribellione che sfocia in un grido: Basta, basta! Ora più che mai, basta alla violenza contro le donne, sì alla cultura del rispetto! Via gli ultimi retaggi di una cultura patriarcale, infelice e nociva che presto, si spera, sarà superata dalla storia. Basta, Basta!
 
 
Le donne dell’Associazione di Marino “Donne per il Cambiamento – ODV”

IL RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE ANAGRAFICA ANCHE IN TABACCHERIA

Nazionali    (allegati) (268)
Domenico Brancato

In virtù della Convenzione stipulata dal Sindaco di Marino Carlo Colizza con la Federazione Italiana Tabaccai (FIT), a decorrere dal primo di aprile c.a., si possono richiedere i seguenti Certificati:
 
Nascita, Morte, Matrimonio, Cittadinanza, Esistenza in vita, Residenza, Stato civile, Stato di Famiglia, Certificato anagrafico AIRE (Anagrafe della popolazione italiana residente all’estero per un dichiarato periodo di tempo superiore a 12 mesi), Certificato di stato libero, Unione civile e anagrafico di convivenza e Camera di Commercio, al costo di 2 euro, IVA compresa, tranne che per l’ultimo attestato elencato (il cui costo varia a seconda della tipologia), nelle Tabaccherie comunali ubicate presso gli indirizzi di sèguito indicati:
 
  • Via dei Laghi, Km 5,50 snc;
  • Piazza della Repubblica 6 e 7 (Marino);
  • Via Appia Nuova Km 20,00 106 – 108 (Frattocchie);
  • Viale della Repubblica, 133 (S.Maria Mole);
  • Piazza Pertini, 1 (Frattocchie);
  • Corso Vittoria Colonna, 110 (Marino centro);
  • Via Silvio Pellico, 24 (S.Maria Mole);
  • Via del Sàssone, 53 (Frattocchie);
  • Via Cave di Peperino, 56 (Marino centro);
  • Piazza Don Luigi Sturzo, 11 (Marino centro).
 
Opportunità che, ovviamente, si unisce ai già esistenti servizi presso lo sportello Comunale e, disponendo dello SPID (Identità digitale ottenibile, più semplicemente e celermente, recandosi presso gli uffici postali o comunali con un documento di riconoscimento valido, la Tessera sanitaria e disponendo di E-Mail e numero di telefono personali), tramite trasferimento online gratuito dei documenti occorrenti dal sito istituzionale di riferimento al proprio dispositivo (PC, Tablet, Smartphone).
Si prende atto, con soddisfazione, che trattasi, quindi, di un’ulteriore dimostrazione dell’intento di questa Amministrazione di venire incontro alla esigenza dei cittadini di una migliore vivibilità del territorio di residenza.
In questo caso, attraverso l’utilissima semplificazione della modalità da compiere per la ricorrente fruizione di un servizio, e l’eliminazione delle difficoltà di natura temporale, logistica e di utilizzazione dei mezzi informatici, che comporta la medesima fruizione dovendosi recare o collegare presso o con il sito istituzionale competente.
 

Brunedil

Edifici Residenziali a strutturale ligneo in Classe Energetica NZeb
A Santa Maria delle Mole le prime case ad alto risparmio energetico.
Nuove case immerse nel verde.
Stanno sorgendo le Residenze di Tommaso. Abitazioni innovative realizzate con le più moderne tecnologie dello strutturale ligneo atte a scoprire il benessere di vivere.
Contattaci 3473488024
 
Viviamo in un momento storico dove la necessità di proteggere la nostra salute ha fatto emergere prepotentemente la consapevolezza dell’importanza di vivere in ambienti salubri, in edifici antisismici e durevoli, che non producano emissioni di CO2, realizzati con materiali ecosostenibili e che permettano di ridurre il fabbisogno energetico e quindi anche i costi di gestione.
 
Alle porte di Roma, vicino al parco dell’Appia Antica, un imprenditore edile alla terza generazione, già dall’anno 2019 ha iniziato ad investire per rispondere a queste esigenze iniziando a realizzare edifici a strutturale ligneo con elevati standard di sostenibilità e qualità.
 
 
 
Nel fare questa scelta la Brunedil, impresa di Tommaso Brunetti, si è affidata anche alle competenze ed esperienza della LignoAlp – Damiani Holz&Ko SpA, importante azienda di produzione dell’Alto Adige nel settore delle costruzioni a strutturale ligneo; attraverso una sinergia tra le due imprese il prodotto edile che è stato realizzato, ed in fase avanzata di realizzazione, permette di toccare con mano quelle che sono le valenze di un sistema edilizio virtuoso.
 
Appartamenti indipendenti con giardino o terrazze, case antisismiche, alta efficienza energetica, strutture sicure, durevoli ed ecosostenibili che permettono un comfort abitativo elevato; un valore aggiunto per la salute che si aggiunge ad un vantaggio economico per l’abbattimento dei costi di gestione e per il mantenimento del valore dell’investimento essendo edifici realizzati secondo i nuovi e più stringenti standard energetici.
 
 
 
Il legno è una materia prima eccellente e rinnovabile, ed è protagonista nelle costruzioni fin dall’antichità; esistono nel mondo costruzioni in legno in perfetta efficienza che hanno anche oltre 1.000 anni di vita.
 
Nel mondo, ed ora anche in Italia, l’edilizia in legno è sempre più presente, ora anche qui a Santa Maria delle Mole; visitando queste costruzioni, quello che offrono, quali peculiarità e vantaggi si possono avere, ciò che nell’immaginario poteva sembrare difficile da credere diventa improvvisamente una realtà che si tocca con mano.
 
Siamo alle porte di Roma, ottimi collegamenti con il centro città, in una zona vicina al lago, ai castelli romani, al mare, commercialmente bel sviluppata e dotata di tutti i servizi.
Le costruzioni del futuro per un vivere sano, rispettose dell’ambiente circostante, sicure, antisismiche, a bassi costi di gestione sono già il presente. Vedere per credere.
 
Appartamenti indipendenti in vendita; possibile affitto con riscatto.
VIVERE SANO

BASSI CONSUMI
ENERGIE RINNOVABILI
NIENTE GAS

 
SALUBRITA’ IN-DOOR
MASSIMO COMFORT ABITATIVO

 
MATERIALI DI QUALITA’ ELEVATA ED ECO-SOSTENIBILI
 
ABBATTIMENTO EMISSIONI DI CO2
 
Non aspettare a contattarci, venite a visitare il nostro cantiere, tratterete direttamente con Tommaso.
Per le prime richieste sono previste tariffe agevolate e sconti speciali.
Tutte le informazioni sul posto.
Contattaci 3473488024

15 Domande ai candidati a Sindaco sul futuro di Santa Maria delle Mole

S. Maria delle Mole    (commenti:15) (972)
Antonio Calcagni

In questi giorni, il Comitato di Quartiere di Santa Maria delle Mole sta provvedendo ad inviare delle domande a tutti coloro che, al momento, hanno reso pubblica la loro candidatura a Sindaco, molti dei quali hanno già dato la loro disponibilità a rispondere, ovvero:
 
Stefano Cecchi;
Carlo Colizza;
Gabriella De Felice;
Fabio Martella;
Gianfranco Venanzoni.
 
 
Le domande, di seguito riportate, attengono al futuro della nostra Cittadina e ci aspettiamo una cortese risposta.
 
Gentile signor/a …………. , quali sono le motivazioni che l’hanno spinta a candidarsi a Sindaco del Comune di Marino? E quale sono i partiti, liste civiche/movimenti che la sosterranno in questa impresa?
 
  1. Santa Maria, in questi ultimi decenni è cresciuta in modo esponenziale fino a diventare il centro più popoloso di questo Comune, a questa crescita non è però corrisposto un incremento dei servizi, quali per esempio: un punto di pronto soccorso, il ritorno del Comando dei Vigili urbani, Lei che cosa farebbe in merito se diventasse Sindaco?
  1. Speculazione Divino Amore, qual’é la Sua opinione sull’argomento, anche alla luce delle recenti sentenze che sembrano aver posto definitivamente fine al progetto?
  1. Appia Antica, una strada unica al mondo che potrebbe diventare un museo a cielo aperto e essere quindi uno straordinario biglietto da visita per il nostro Comune, quali sono i Suoi progetti in merito?
  1. Mosaico di Viale della Repubblica, come Lei sicuramente saprà nel 2016 è stato ritrovato, adiacente all’Appia Antica, un bellissimo mosaico, poi sotterrato, cosa ne pensa della possibilità di una sua valorizzazione in loco?
  1. Palaghiaccio, come senz’altro saprà, il manufatto, che al momento è in completo abbandono, è stato acquistato all’asta nel 2015 da Esselunga, qual è la Sua opinione in merito al suo futuro?
  1. Via Falcognana, una strada fondamentale per Santa Maria, dove giornalmente transitano circa 5.000 automezzi, risulta essere una strada privata aperta al traffico pubblico, non Le sembra un paradosso? l’attuale amministrazione, sotto nostro impulso si è detta disponibile ad avviare la procedura per farla diventare di competenza pubblica, Lei cosa ne pensa?
  1. Incrocio, Appia Nuova/Viale della Repubblica/Passaggio a livello, un nodo stradale/ferroviario che di fatto paralizza il traffico della nostra Cittadina, se Lei fosse eletto/a cosa farebbe per cercare di risolvere il problema?
  1. A latere di questo problema, c’è poi da realizzare un piano generale della viabilità, che preveda un incentivo all’uso della bici, attraverso la realizzazione una serie di piste ciclo- pedonali, parcheggi per bici e parcheggi auto, compreso il completamento di quello di via Frassati: cosa prevede il Suo programma?
  1. Trenitalia nell’Aprile dello scorso anno ha approvato il piano di recupero di molte stazioni ferroviarie, compresa quella di Santa Maria, un progetto di cui sembra si siano perse le tracce. Al recupero della suddetta stazione si lega anche quello della realizzazione di una rampa di collegamento tra la suddetta ed il parcheggio di piazza A. Luciani un’ argomento di cui in questi anni si è parlato molto, ma purtroppo senza risultati. Cosa farebbe Lei in concreto, per risolvere il problema?
  1. Il Suo programma cosa prevede circa la realizzazione di un’isola Ecologica nel territorio ex circoscrizioni II e III ?
  1. Aeroporto di Ciampino e rotte su Santa Maria, qual è il Suo parere in merito?
  1. A Suo parere la Sagra dell’Uva deve rimanere l’unica iniziativa fortemente sostenuta dal Comune, oppure c’è la possibilità che anche altre iniziative che si svolgono nel territorio delle ex circoscrizioni II e III possono in futuro ricevere un sostegno altrettanto generoso dal Comune?
  1. Tenuta Tudini, un polmone verde importantissimo per la nostra Cittadina, ma anche un’opportunità per la realizzazione di laboratori per apprendistato mestieri; recupero aree per agricoltura, Orti sociali, il Suo programma prevede qualcosa in merito?
  1. Stretto controllo di ACEA e lotta per ritornare all’acqua pubblica cosa le dice questa frase?
  1. Manutenzione strade e giardini; Cartellonistica stradale; Fotocamere e Sicurezza, come si muoverebbe Lei su questo piano?
 

BONUS CULTURA PER I NATI NEL 2002

Nazionali (137)
Antonio Calcagni

COME RICHIEDERLO
 
E’ stata rinnovata “18 App”: l’iniziativa finalizzata a promuovere la cultura fra i giovani diciottenni, che siano in possesso di: un documento di riconoscimento in corso di validità; tessera sanitaria; e-mail e numero di telefono personali.
 
Documenti necessari per il rilascio dello Spid, ottenibile gratuitamente, attraverso semplici adempimenti ed in tempi brevi, presso gli uffici postali e comunali
 
Una volta acquisito lo Spid, con decorrenza 1° aprile e fino al 31 agosto 2021, è possibile richiedere il Bonus, registrandosi sul sito www.18app.italia.it .
 
Trattasi di un Bonus dell’importo di 500 euro, spendibile entro il 28 febbraio 2022, destinato all’acquisto di: libri, musica, cinema, teatro, danza, musei, monumenti e parchi archeologici, eventi culturali, corsi di musica, teatro o lingua straniera, prodotti dell’editoria audiovisiva e, da quest’anno, in abbonamenti e quotidiani anche in formato digitali.
 
Destinazione sulla quale il Ministero della Cultura, in collaborazione con la Guardia di Finanza, provvederà a vigilare affinchè venga rispettata.
 
Considerato l’attuale periodo di crisi economica, l’età e le esigenze dei destinatari (deducibili dall’entità e dal genere di opzioni effettuate nel corso della prima edizione del Bonus, secondo le quali delle somme erogate l’83 % sono state spese per l’acquisto di libri, il 14 % per concerti e musica ed il 3 % per le altre voci di spesa indicate), si ritiene trattasi di una propizia occasione da non trascurare, per evitare, come statisticamente provato per altre tipologie di Bonus, che buona parte delle somme stanziate, rimangano, sorprendengtemente, non utilizzate.

FraWeb.it

HAI NECESSITA’ DI UN SITO WEB?
Realizziamo siti web di ogni dimensione e per qualsiasi esigenza.
Curiamo ogni progetto a 360 gradi, dagli aspetti tecnici alla redazione di testi e slogan pubblicitari.
Dal semplice sito vetrina del piccolo esercizio commerciale, fino al sito corporate della grande azienda e ai complessi progetti editoriali ed e-commerce.
 
Siti completamente responsive. Fruibili da qualsiasi dispositivo.
Un sito ben fatto porta solo guadagno.
Un gestionale per la tua azienda, fatto su misura per le tue necessità.
 
FraWeb.it si è ormai consolidata nel settore informatico, grazie ad una lunga esperienza. Professionalità, qualità e convenienza sono gli elementi che ci identificano.

I nostri siti web si distinguono tutti per facilità di gestione, chiarezza e ampia compatibilità tecnologica.
 
– Grafica su misura
– Sito responsive
– Hosting e dominio incluso in offerta
– Settaggio mail personalizzata
– Cura sui particolari
– Ottimizzazione SEO
– Ottimizzazione per Google
– Report accessi
– Assistenza gratuita
– Formazione all’uso del sito
– Integrazione con i social network
– Adeguamento alle normative privacy
 
Per ottenere subito il tuo preventivo personalizzato puoi compilare il modulo di contatto presente in Questa Pagina, oppure inviare una mail a info@fraweb.it
Puoi anche contattarci telefonicamente al numero  (+39) 347 33 25 851 - a tua disposizione per rispondere a tutte le domande.

Lavoro: il 44% delle donne non sono appagate dalle opportunità di carriera

Nazionali (149)
Eleonora Persichetti

 
 
Lavoro e Gender Gap: l’insoddisfazione dell’universo femminile è il punto di partenza per una felicità equa nel mondo del lavoro
 
Dai primi dati dell’Osservatorio sulla Felicità emerge che le donne si sentano meno felici sul lavoro rispetto agli uomini, sensazione confermata dal 41% che si dichiara insoddisfatta del proprio compenso e l’insoddisfazione derivata dalle opportunità di sviluppo di carriera è per le donne maggiore di 9 punti percentuali rispetto agli uomini (35%).
 
 
 
L’Associazione “Ricerca Felicità” prosegue con l’analisi dello stato di felicità e benessere dei lavoratori italiani rilasciando ulteriori dati che toccano le differenze tra uomini e donne nel mondo del lavoro. I fattori indagati riguardano la soddisfazione sul compenso e sulle opportunità lavorative e le donne risultano meno soddisfatte rispetto agli uomini: il 41% risale all’insoddisfazione del compenso, contro il 28% degli uomini, mentre l’insoddisfazione derivata dalle opportunità di sviluppo di carriera per le donne risale al 44% contro il 35% degli uomini.
 
“I dati raccolti non hanno la pretesa di voler fornire delle risposte, si tratta di un punto di partenza su cui noi tutti siamo chiamati a riflettere. Il nostro obiettivo è quello di captare i segnali provenienti dal mondo del lavoro, affinché si possano trovare degli strumenti utili per il raggiungimento di un benessere collettivo. Non sappiamo con assoluta certezza perché il 41% delle donne non siano soddisfatte del proprio compenso e il 44% non siano appagate dalle proprie opportunità di sviluppo di carriera sul lavoro, ma supponiamo possa esistere nella donna un certo grado di difficoltà nell’esprimere il proprio disagio in ambito lavorativo, e in questa ricerca penso abbiano voluto farlo presente” osserva Elisabetta Dallavalle, Presidente dell’Associazione Ricerca Felicità.
 
Tra gli altri elementi indagati, come il rispetto e il riconoscimento dei propri meriti, le differenze dimostrano che il divario tra uomo e donna è minore. Infatti, alla domanda “mi trattano con rispetto, senza discriminazione” le donne che hanno risposto in modo negativo risalgono al 14%, mentre per gli uomini si tratta solo del 10%, e alla domanda “riconoscono sempre i miei meriti” le donne che hanno risposto in modo negativo risalgono al 31%, contro il 28% degli uomini.
 
Tuttavia, “l’11,9% dei rispondenti ha dichiarato che in ambito lavorativo l’affermazione “mi aiuta a capire me stesso” sia assolutamente falsa, così come il 12,2% crede che l’affermazione “l’ambiente mi fa sentire compreso” non sia veritiera. Sebbene si tratti di una ristretta minoranza, non vanno sottovalutati questi indizi, poiché anche all’interno di questi piccoli sintomi di malessere si possono indagare e comprendere le differenze di genere” afferma Sandro Formica, VicePresidente e Direttore scientifico dell’Associazione Ricerca Felicità.
 
Per quanto riguarda la dimensione di felicità in generale emerge che, quando uomini e donne sono stimolati a confrontarsi, si dichiarano un po’ più felici rispetto alle altre persone che conoscono. Complessivamente, il campione interrogato ritiene che gli altri li vedano più felici di quanto loro stessi non si sentano. Questa sensazione è più evidente per le donne rispetto agli uomini: la differenza fra chi dice di apparire agli altri molto felice (39% per le donne e 36% per gli uomini) rispetto a sentirsi veramente così (26% per le donne e 31% per gli uomini) è di circa 13 punti percentuali.
 
“Questa discrepanza crediamo sia stata accentuata dalla pandemia, che sembra aver colpito più duramente le donne: alla dimensione dell’home working - non riusciamo a definirlo smart-working visto che è privo della componente “smart” e “agile” - si sono aggiunti i costanti impegni familiari, appesantendo i carichi di lavoro. Ciononostante, pensiamo che questa diversità tra uomini e donne emersa dai dati, possa essere appianata con una relazione generativa all’interno dell’azienda: assiduo ascolto attivo, per realizzare dei percorsi in cui non ci si senta giudicati, ma ci si possa esprimere liberamente, dichiarando i propri bisogni, mostrando i propri talenti e creando un rapporto autentico con i leader, con i colleghi e con l’ambiente che ci circonda” commenta Elga Corricelli co-founder dell’Associazione Ricerca Felicità.
 
La survey ha coinvolto 1.314 persone, suddivise tra lavoratori dipendenti (72,3%) e liberi professionisti (27,7%), suddivisi per sesso con una media ponderata di 42.3% di donne e il 57,7% di uomini, appartenenti alle 4 generazioni (Baby Boomers, Generazione X, Millennials, Generazione Z) in rappresentanza della popolazione italiana attiva nel mondo del lavoro.

Apre la Casa dei Servizi di Via Morosini

S. Maria delle Mole (982)
Antonio Calcagni

 
Con l’inaugurazione, prevista per domani, martedì 30 marzo 2021, apre la Casa dei Servizi comunali di via Morosini.
 
Un giorno atteso a lungo, da quel lontano 2015 quando, con una scellerata decisione dell’allora amministrazione Comunale, si decise di scippare, ad una cittadina in forte crescita demografica, la propria delegazione.
 
Una scelta che, nella versione ufficiale, doveva servire a ridurre i costi di affitto, anche se le reali motivazioni rimangono ancora un mistero tutto da chiarire.
 
La palazzina in questione, è bene ricordare, diventerà di proprietà comunale, in quanto frutto di un atto d’obbligo stipulato diversi anni or sono tra il Comune e la società costruttrice Cristina.
 
Stop quindi, almeno in questo caso, ad affitti a carico del Comune a suon di molte decine di migliaia di euro distribuiti qua e là.
 
Un sistema, quello degli atti d’obbligo che, vista l’enormità delle licenze edilizie concesse in questi ultimi decenni, avrebbe permesso di sopperire alle ataviche carenze di strutture pubbliche nel territorio delle ex Circoscrizioni II e III.
 
Ci auguriamo quindi che questo diventi un esempio da utilizzare molto più frequentemente.
 
Parlando dell’ubicazioni di questa nuova Casa dei Servizi, qualcuno, in un primo momento, potrebbe obiettare di come la palazzina si trovi incastonata tra le case in una strada stretta, che parte da via S.Pellico e con una forte carenza di posti auto.
 
Un’impressione che viene del tutto dissipata se proviamo a vedere la questione da un altro punto di vista.
Con la definitiva apertura di via Morosini, infatti, questa strada, sboccherà direttamente in via Mameli, e questo cambia completamente gli scenari.
 
Pensando di percorrere, in auto, via Mameli, infatti, già su questa strada, in corrispondenza dei suddetti uffici sono presenti numerosi parcheggi, stessa cosa succede quando imboccheremo il nuovo tratto di via Morosini direzione via S. Pellico, una strada molto più larga dell’altra parte e che quindi permetterà sia il transito sia il parcheggio.
 
Stessa cosa vale anche per tutto il percorso della strada che da via Morosini porta in via U. Bassi.
 
Un numero di parcheggi che è stato da noi quantificato in oltre 80 unità, con una percentuale di occupazione che durante le mattine/primo pomeriggio, dei giorni feriali, non supera il 40%, questo vuol dire che durante gli orari di apertura degli Uffici avremo a disposizione, nell’arco di appena 150 metri, almeno 45 posti auto disponibili.
 
Senza parlare del fatto che vista la sua centralità, gli uffici potranno essere comodamente raggiunti a piedi dalla gran parte dei Cittadini di Santa Maria.
 
Il rientro della Casa dei Servizi a Santa Maria è da considerarsi, quindi, un grande risultato sotto ogni punto di vista, ottenuto anche grazie ai circa 2.000 cittadini che hanno firmato la nostra petizione, ma soprattutto grazie alla sensibilità di questa Amministrazione comunale che in occasione della consegna ufficiale delle firme prese con noi quest’impegno.
 
Un grazie sincero e nient’affatto convenzionale dal Comitato di Quartiere di Santa Maria delle Mole, un Comitato che si limita ad esprimere il proprio giudizio solo e soltanto in base ai risultati ottenuti, mai inquinati dalla simpatia per questa o quella parte politica, e per questo, forse, più apprezzabile.

Vedi a 360 Gradi

Basta con le solite foto di immobili
Basta con le solite visite infruttuose
VAI OLTRE
Offri ai tuoi clienti la Visita Virtuale. Risparmia tempo e raggiungi più clienti. Guarda la nostra demo senza alcuna spiegazione sul funzionamento. La nostra offerta è principalmente orientata per Agenzie Immobiliari ma può essere applicata ovunque ci sia necessità di mostrare una panoramica ambientale. Ad esempio: Alberghi, Bed Breakfast, Palestre, Circuiti di Trekking o Mappature di Escursioni.
 
 
 
 
 
Guarda una DEMO  Se sei interessato e vuoi saperne di più CONTATTACI
 
Fai decidere, comodamente dal proprio divano, quale sarà la casa dei loro sogni o il migliore albergo. Non saranno più obbligati a perdere tempo inutilmente; potranno effettuare più visite virtuali e poter valutare con la massima tranquillità e più chiarezza qual'è l'offerta che più si avvicina alle proprie esigenze.
 
Inoltre anche te avrai più tempo da dedicare al lavoro eliminando tutti quegli appuntamenti che già sai che non andranno a buon fine.
 
Ti offriamo la possibilità di crearti, in modo economico, in totale autonomia e con i tuoi semplici mezzi delle spettacolari panoramiche.
Non abbiamo bisogno di immagini a 360 gradi, in 3D o con tecnologie troppo costose; sono più che sufficienti le foto scattate dal tuo smartphone.
Sarai sempre tu a creare una successione visiva, quello che poi sarà il "Percorso di Visita Virtuale"
 
Dovrai solo impegnarti a fare delle belle foto, per il resto è tutto molto semplice e veloce. Una interfaccia alquanto intuitiva ti guiderà passo passo. Ogni foto, se necessario, può essere commentata. Impossibile commettere errori ed è tutto modificabile in qualsiasi momento. A lavoro terminato dovrai solo inserire, nel tuo sito, i link delle panoramiche che hai costruito. Avranno solo il nome della tua azienda. NON HAI LIMITI DI PANORAMICHE O DI FOTO
 
Guarda la DEMO e poi CONTATTACI

LA NUOVA ETICHETTA ENERGETICA EUROPEA

Nazionali (235)
Domenico Brancato

DAL PRIMO MARZO E’ ENTRATA IN VIGORE LA NUOVA ETICHETTA ENERGETICA EUROPEA
 
L’etichetta energetica è uno strumento, esistente dal 1992, che fornisce una chiara indicazione sull’efficienza energetica di un prodotto e si prefigge di consentire ai consumatori di compiere delle scelte più oculate, sia dal punto di vista economico che ambientale ed, al tempo stesso, di stimolare l’industria a sviluppare prodotti che consumino sempre meno energia.
 
Il sistema attualmente in uso si basa su 10 classi energetiche, che vanno da A+++ alla G. Nel corso degli anni l’indicazione è divenuta meno chiara ed efficace, per cui, al fine di rendere più semplice ed agevole la comparazione dei prodotti, si è resa necessaria l’introduzione di un nuovo sistema di classificazione che va dalla A: Classe più efficiente, di colore verde scuro, a G: Classe meno efficiente, di colore rosso. Questo “riscalaggio” (posizionamento a livello inferiore di efficienza) comporterà anche una migliore differenziazione fra i prodotti che, con l’attuale classificazione, compaiono tutti nelle stesse categorie.
 
Ciò significa, ad esempio, che un frigorifero che attualmente ha un’etichetta A+++ potrebbe rientrare nella categoria C (vedi Figura 1), anche se presenta le stesse caratteristiche di efficienza energetica di prima. Conseguentemente, nella nuova Etichetta, secondo i nuovi parametri, pochissimi elettrodomestici disporranno dei previsti requisiti di elevata efficienza per l’attribuzione della Classe A, e solo pochi troveranno rispondenza di caratteristiche per l’inserimento nelle Classi B e C. Allo scopo di incentivare la ricerca e l’invenzione per la realizzazione di prodotti più efficienti, dal punto di vista del risparmio energetico e della compatibilità ambientale.
 
A tal proposito, la recente normativa dispone che: dal 1° novembre 2020 tutti i prodotti devono essere provvisti sia della nuova che della vecchia etichetta (vedi Figura n° 1); dal 1° marzo 2021 la nuova etichetta è obbligatoria per lavastoviglie, lavatrici, asciugatrici, frigoriferi, congelatori, cantinette vino (frigoriferi adatti alla conservazione del vino), TV e monitor; dall’1 Settembre 2021 diventerà obbligatoria anche per tutte le fonti di illuminazione (luci a LED); e che i vecchi modelli potranno avere ancora la vecchia etichetta fino al 30 novembre 2021, mentre sarà rigorosamente vietato vendere elettrodomestici con la vecchia Etichetta dal 1° dicembre 2021.
 
La nuova Etichetta, inoltre, si distingue dalla precedente per le seguenti caratteristiche:
 
  • L’aggiunta del Codice QR, posizionato in alto a destra, che consente ai consumatori di ottenere informazioni più dettagliate sull’elettrodomestico, contenute nel database europeo delle etichette energetiche (EPREL), semplicemente effettuando la scansione con il proprio smartphone;
  • Una nuova scala energetica: da A a G, senza le Classi “+”;
  • Il consumo energetico specifico per ogni prodotto: annuo per i frigoriferi; 100 cicli per le lavastoviglie e le asciugatrici; e 1000 ore di utilizzo per lampadine e schermi;
  • Presenza di pittogrammi (icone che mostrano, a seconda dell’elettrodomestico , informazioni sulla sua: capacità, dimensione, consumo di menergia in kWh, livello emissione di rumore in Db–decibel-, consumo di acqua e durata del progframma, come evidenziato nella Riproduzione n° 2) finalizzati a fornire informazioni visive utili ai consumatori.
 
In definitiva, attraverso l’introduzione delle Etichette energetiche, l’Unione Europea persegue la finalità di promuovere una permanente programmazione di sviluppo innovativo dell’industria dedita alla produzione dei più comuni apparecchi elettrici, attraverso l’adozione di un “riscalaggio” periodico di 10 anni delle Classi di efficienza. In riferimento al tempo previsto affinchè una significativa percentuale di modelli possa raggiungere livelli di efficienza tali da essere inseriti nelle Classi più elevate.

Appia Antica, qualcosa, forse, si muove.

S. Maria delle Mole    (commenti:3) (1.035)
Antonio Calcagni

 
Il nostro Comitato di Quartiere, stanco di vedere il nostro tratto dell’Appia Antica, ma anche quello di competenza del Comune di Ciampino ridotti in pessime condizioni, in data 15-02-21 ha inviato una lettera di esortazione ad intervenire, al parco Archeologico dell’Appia Antica, al Parco Regionale dell’Appia Antica, ed ai sindaci di Ciampino e Marino. Vedi Link
 
La risposta non si è fatta attendere, ed è stata la dottoressa Alma Rossi, Direttore del parco Regionale a prendere l’iniziativa, invitandoci ad un incontro, per fare il punto della situazione, aperto anche ai: rappresentanti dei suddetti Comuni,  ed ai responsabili di Legambiente, sezione Appia Sud “ Il Riccio”, gestori dell’area.
 
Lunedì scorso, quindi, dopo una falsa partenza, presso il costruendo punto informazioni turistiche di Via della Repubblica, si è svolto l'incontro, che ha visto la presenza della Dottoressa Alma Rossi e del dirigente Andrea Buzi, rispettivamente: direttore e dirigente del parco Regionale dell’Appia Antica, dell’Assessore Tammaro per il Comune di Marino, dell’Archeologo Marco Cavacchioli in rappresentanza della sezione Legambiente, e di Claudia Benvenuti, Gianni Morelli e Antonio Calcagni, in rappresentanza del nostro Comitato di Quartiere.
 
Assenti: l’Assessore Roberto D’Ottavio del Comune di Ciampino, con cui comunque avevamo avuto un precedente incontro e l’Architetto, Simone Quilici, Direttore del Parco Archeologico dell’Appia Antica , che è stato messo al corrente di tutto.
 
La nostra linea, sostenuta dal rappresentante di Legambiente, è stata quella di ribadire con forza la necessità che, anche il nostro tratto di strada riceva le necessarie attenzioni, così come succede già per quello che ricade nel territorio della Capitale.
 
La dottoressa Alma Rossi, ha condiviso con noi le attuali problematiche ed insieme all'assessore Tammaro hanno preso l’impegno ad adoperarsi affinché si arrivi nel più breve tempo possibile, alla firma, del protocollo d’intesa da parte del parco Archeologico, già a suo tempo stilato e firmato dal parco Regionale.
 
Strumento indispensabile al fine di agganciare anche il nostro tratto di Appia Antica al programma di manutenzione.
 
Fiduciosi che qualcosa di positivo possa venir fuori,da questo incontro, e ribadendo la nostra vicinanza agli amici di Legambiente, vi lascio all’appello di Claudia Benvenuti, sull’argomento.
 
Appia Antica: fortuna e privilegio di vivere in quest’area
 
Riuscire a comprendere la grandezza culturale di quello che il nostro territorio spontaneamente ci consegna è un dovere civico ed è giusto valorizzarlo per goderne della bellezza.
 
Abbiamo la fortuna di avere L’Associazioni Legambiente con la sua sezione locale Appia Sud “Il Riccio” magistralmente guidata da figure che si adoperano per la promozione del sito a titolo completamente gratuito, non solo con il supporto prezioso dei volontari ma con quello tecnico specializzato altamente preparato della figura del Dott. Cavacchioli.
 
Non è ammissibile perdere un’occasione così importante per i cittadini di godere di uno spazio verde e allo stesso tempo avere la possibilità di conoscere con esattezza ciò che accadeva nel passato sulla stessa terra che ora occupiamo, spesso in malo modo.
 
Il nostro Comune, che in molte occasioni si è dimostrato sensibile e promotore della cultura di alto livello è chiamato ancora una volta a porre lo sguardo su questo percorso materiale e temporale che fa parte del territorio sotto la cura dell’Amministrazione.
 
Aprire il più velocemente possibile il punto informativo permetterebbe di attivare molteplici iniziative turistiche, con una risonanza non sottovalutabile per l’economia locale; dare la possibilità agli studenti delle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado di visitare il sito in un area sicura e disciplinata costantemente, accogliere anche il turismo scolastico fuori Comune, per gli studenti del vicino Liceo Artistico di Ciampino toccare con mano e sentirsi appartenere ad un territorio storico così importante per loro oggetto di studio.
 
Ciò che non bisogna trascurare è che la cittadinanza, tutta, percepisca la fortuna e il privilegio di vivere in questa zona, diffondere la conoscenza dei luoghi e dei fatti che hanno segnato il percorso evolutivo della nostra civiltà è un impegno che ognuno di noi cittadini deve assumersi secondo le proprie capacità e disponibilità.
 
 
 
Claudia Benvenuti, Segretaria del Comitato di Quartiere di Santa Maria delle Mole
 
 
Antonio Calcagni, Presidente del Comitato di Quartiere di Santa Maria delle Mole

Dopo la pandemia solo il 6% delle imprese tornerà alle condizioni di prima

Nazionali (385)
Eleonora Persichetti

 
 
Dopo la pandemia solo il 6% delle imprese tornerà alle condizioni di prima, cioè senza smart working. Digitalizzazione prioritaria per il 67%
 
Le difficoltà che le aziende vivono sulla propria pelle e le preoccupazioni per la crisi economica non spengono la voglia di guardare avanti delle imprese italiane, in particolare per quanto riguarda l’innovazione in ambito HR. Innovazione che, anzi, viene riconosciuta come sempre più necessaria: il 67% delle imprese mette la digitalizzazione in cima alla lista delle priorità e il 60% indica nello smart working l’iniziativa più urgente su cui investire per quanto riguarda la gestione delle risorse umane. Dopo averlo sperimentato in modo forzato durante l’emergenza, infatti, solo il 6% delle imprese dichiara di voler tornare alle condizioni preesistenti senza smart working.
 
Sono questi i risultati della terza edizione della survey “Future of Work 2020” rivolta alle direzioni del personale delle grandi aziende italiane, presentata nel corso di HR Business Summit e realizzata da Osservatorio Imprese Lavoro Inaz e-Business International.
 
«In tutti i cambiamenti che hanno travolto le imprese quest’anno, si è confermata la centralità del fattore umano – fa notare Linda Gilli, presidente e AD di Inaz –. La ricerca fotografa indubbiamente una situazione in divenire, in cui emergono tendenze a volte contraddittorie, ma una cosa è molto chiara: le esperienze fatte nel 2020 lasceranno una traccia profonda, su tutte il lavoro a distanza. Per trasformare quest’ultimo in vero smart working occorre da un lato proseguire sulla strada della digitalizzazione, ma dall’altro non bisogna mai perdere di vista il ruolo dell’azienda come luogo di socialità e aggregazione».
Innovare i modelli di organizzazione del lavoro è indicato dal 69% delle aziende come l’obiettivo prioritario in ambito HR di qui a tre anni, con un aumento di 5 punti percentuali rispetto al 2019. Fra le competenze su cui la funzione HR sente di dover migliorare, spiccano formazione e sviluppo di nuove competenze (55% delle risposte, +10% rispetto allo scorso anno).
Una serie di domande introdotta in quest’ultima edizione della ricerca mira invece a indagare come gli effetti della pandemia stiano modificando le prospettive future dell’organizzazione del lavoro. Emerge quindi che, per quanto riguarda il lavoro a distanza, il 78% delle aziende dichiara che l’esperienza è stata positiva durante l’emergenza, ma necessita di una progettualità; il 56% dei Direttori HR evidenzia l’aumento di motivazione e senso di responsabilità dei collaboratori.
Per quanto riguarda le prospettive concrete per il futuro sempre nell’ambito dello smart working, poco meno di due aziende su tre modificheranno il modus operandi precedente, o implementando in modo sistematico lo smart working (43%) o incrementando le pratiche di smart working già in atto (18%). Tra le rimanenti solo il 6% tornerà alle condizioni preesistenti senza smart working, il 3% confermerà le policy di smart working già consolidate e il 31% dichiara di trovarsi ancora dentro il processo decisionale su possibili cambiamenti.
 
Nel dettaglio, per quanto riguarda il mix tra lavoro in sede e lavoro a distanza su base settimanale, per il 35% delle aziende interpellate il lavoro delocalizzato sarà, in proporzioni diverse, comunque prevalente rispetto al lavoro in sede. Il 39% delle aziende prevede invece più prudentemente due giorni su cinque di smart working. Un altro 13% infine si sta orientando per un solo giorno di erogazione della prestazione lavorativa in luogo diverso dalla sede dell’azienda.
 
Quanto alle criticità dello smart working, l’aspetto su cui si sono maggiormente concentrate le risposte (1 su 5) è quello della leadership, seguita dal rischio di una diminuzione non tanto delle performance, quanto del senso di appartenenza dei collaboratori (18% delle risposte).
 
«Ogni rivoluzione, e questo cambiamento globale che abbiamo di fronte lo è, presenta insidie ma anche opportunità – conclude Linda Gilli –. Le direzioni HR sono chiamate oggi a ridefinire strumenti e modelli in modo che persone e imprese possano trarre vantaggi dal difficile periodo che stiamo vivendo».
 
La ricerca completa è scaricabile al link:
scarica report

Il tuo Spazio pubblicitario

Vuoi pubblicizzare la tua azienda in questo portale?
Noi non noleggiamo spazi pubblicitari. Offriamo i nostri servizi unicamente ad Aziende e/o Privati che svolgono la propria attività nella nostra area geografica.
Se hai a cuore il tuo ambiente e vuoi difenderlo, tutelarlo ma non hai i mezzi o capacità, noi siamo al tuo fianco. Sostienici e sarai ripagato in pubblicità.
Diventa Socio Sostenitore del Comitato di Quartiere ed avrai il tuo spazio. Contattaci.

Partecipa ai nostri QUIZ

 

 

 

Poesia: Natale 2020

Il Mio Covid-19    (commenti:1) (100)
Francesco Brecciaroli

Chi ci’o sa, se sto Natale
finarmente arriverà,
co li botti e ‘r Capodanno,
li regali e l’abbuffate?

O staremo tutti chiusi
all’arresti, drento casa,
senza amici né parenti?

Puro ‘n Chiesa n’ se po’ annà,
troppa gente stà a pregà!

Veramente, dice Checco,
nun ce vedo molti ‘n fila,
è da tanto che nessuno
se fà vvede a la funzione.

L’ammucchiata, la caciara,
che ce stà, sta pe strada, pe le piazze,
pei viali e le terrazze!

Le città so tutte vote,
tutto chiuso ed interdetto.

Pe le strade, li Cristiani
nun se ponno più abbraccià
e nun sanno n’dove annà,
pe potesse annà a magnà
matriciana e carbonara.

Manco ‘n bacio alla pischella
che da’n pezzo stà a aspettà.

Sto discorso nun è bello,
e però me tocca fallo,
troppa gente se rifugia
dietro ar fatto che nun crede
che sto virus stia fra noi,
si t’acchiappa,
questo virus maledetto,
vojo vede, si nun c’ai la mascherina,
ahio, mamma,
lo trasmetti a tutti quanti
a tu padre e puro a nonna,
nun se sarva più nessuno!

Checco, Ciro,
Ambrogio, Oronzo,
stessa solfa, stessa fifa,
in America o ‘n Europa
l’ospedali so strapieni!

Stamo a fa una trista fine,
pe ‘na vita così grama.

Ma io credo che er Natale,
alla fine, arriverà
e si nun ce po’ portà
quelle cose belle e ricche
che l’artr’anni c’ha portato,
e vedremo li parenti
attraverso la tivù,
sempre nasce er Bambinello
ne la grotta Santo e bello!

Benedice questo monno
e ne caccia ner profonno
tutto er Male che c’ho ‘ntorno.

Puro a noi, pe sto Natale
un regalo arriverà,
e la Nascita, ch’è nova,
drento ar core
n’antra vorta nascerà!

Terapia a Onde d’urto: come funziona e quali benefìci

Salute (170)
Alessandra Benassi

La terapia a onde d’urto è un metodo di trattamento in cui un manipolo emette delle “onde d’urto” radiali o focali sulla zona del corpo da trattare.
Insieme allo staff dell’ambulatorio di Fisioterapia Fisiologic Mira di Santa Maria delle Mole, ci occuperemo di esaminare il suo metodo di funzionamento e scoprire i suoi benefìci.
 
Come funziona la terapia a onde d’urto?
 
Dopo che lo specialista e il fisioterapista hanno individuato la zona affetta dal disturbo e aver accertato che la terapia a onde d’urto è il metodo di trattamento indicato, viene applicato del gel sulla zona interessata dal dolore. Quindi si effettua il trattamento con il dispositivo medico. Nel manipolo si trova un proiettile, azionato da un generatore elettromagnetico, che viene accelerato ad alta velocità. Questo proiettile trasmette l’energia cinetica all’applicatore del manipolo. In questo modo vengono generate le onde d’urto, che successivamente si diffondono espandendosi radialmente nella cute e vengono assorbite dal corpo. La frequenza e la pressione delle onde sono regolabili.
Le onde d’urto alleviano il dolore attivando una sostanza P e attraverso l’iperstimolazione dei sensori del dolore. Il corpo stesso stimola la riparazione tessutale, dando vita ai sintomi seguenti:
  • Miglioramento della circolazione sanguigna e della neovascolarizzazione
  • Incremento dei fattori di crescita
  • Incremento delle cellule staminali mesenchimali
  • Stimolazione del metabolismo
Inoltre, la terapia a onde d’urto viene eseguita per la frantumazione di calcificazioni e fibrosi, e la tecnica utilizzata proviene dalla frantumazione dei calcoli renali. Il trattamento è breve, sebbene occasionalmente possa generare un aumento della sintomatologia dolorosa nei pazienti. Il vantaggio è che un trattamento dura circa 8-10 minuti.
 
Per quali disturbi viene applicata con successo la terapia a onde d’urto?
 
La terapia a onde d’urto è una tecnica applicabile per una serie di disturbi. Suddividiamo i disturbi in 5 sintomatologie:
  1. Tendini
    • I disturbi tendinei più frequenti che possono essere trattati sono dolore al tendine di Achille, al tendine rotuleo, al sopraspinato e l’epicondilite laterale.
  2. Ossa
    • I disturbi ossei più frequenti sono la sindrome da stress tibiale mediale e la sindrome dolorosa a carico del grande trocantere.
  3. Disturbi neurologici
    • Il trattamento muscolare con la terapia a onde d’urto radiale di spasticità, sia negli adulti dopo emiplegia che nei bambini con paralisi celebrale è comunemente considerato un successo.
  4. Muscoli
    • Trattamento di trigger point, dolori muscolari e ipertonia muscolare.
  5. Tessuto connettivo
    • Applicazioni note per la terapia a onde d’urto sono la fasciopatia plantare, il dito a scatto e il tessuto cicatriziale.
Benefìci della terapia a onde d’urto per il paziente
 
La terapia a onde d’urto offre numerosi benefìci per il paziente. Si tratta spesso di pazienti che da anni soffrono di disturbi cronici, la cui alternativa è rappresentata da analgesici o da interventi chirurgici. La terapia a onde d’urto offre un’alternativa realistica alla chirurgia. Meno invasiva, maggiormente rivolta alle proprietà auto-guaritrici del corpo e meno stressante.
 
Di seguito, forniamo un elenco esaustivo di tutti i vantaggi della terapia a onde d’urto:
  • alternativa realistica alla chirurgia o ai farmaci
  • trattamento rivolto alla causa, non ai sintomi
  • tasso di successo dell’80%
  • breve durata del trattamento per seduta (8-10 minuti)
  • ridotti effetti collaterali, solo rischio di qualche lieve arrossamento o gonfiore
  • alleviamento del dolore e recupero spesso dopo pochi giorni
  • forma di terapia affidabile e scientificamente dimostrata per numerosi disturbi
Per valutare se la terapia a Onde d’urto è adatta al tuo caso rivolgiti sempre ad un medico specialista.

Poesia: Lunga attesa

Il Mio Covid-19 (114)
Francesco Brecciaroli

Affilate grida nelle strade deserte.

Lenti camion militari infilati
in una catena di dolore.

Sei forse qui, tu che mi hai donato la vita?

Ti troverò nell’ansimare meccanico?

Un vecchio, in un letto di terra,
guarda il volto del carceriere umano:
muta bocca nascosta
sotto una bianca bandiera.

Parole di conforto, o di consolazione,
secondo quel che volete,
per un divenire crudele.

A che servono le plastiche protezioni
contro la leggerezza dell’aria?

Droplets vaganti al chiuso della tenuta
metropolitana
su affollamenti ondeggianti.

A sera, dai balconi, rincorse di canzoni
ballabili senza un giro di piedi.

Ed ora non c’è più tempo
per cantare nel coro.

La mattina, soli,
il mormorio di acqua che scorre
fa da sottofondo al solitario canto.

La fila infinita al supermarket locale,
lamenta il tempo perso d’attesa.

Il me, solitario individuo,
isolato da invisibili barriere,
serrato dietro un catenaccio
di non precisate mandate,
aspetta un me altro
in attesa di una progressiva vita.

Perché balbetto?

Salute    (commenti:2) (370)
Annalisa Muto

 
 
Il linguaggio è un’abilità innata specie-specifica, quindi propria della specie umana. ‘’Cosa c'è di più semplice del parlare?’’ si potrebbe pensare. Eppure non è sempre così! Il linguaggio è infatti una delle attività umane più complesse e articolate. Esso è il frutto dell'attivazione e dell’interazione di processi cognitivi, motori, sensoriali ed emotivi; se anche solo uno di questi meccanismi venisse in qualche modo compromesso allora si potrebbe manifestare un disturbo del linguaggio.
 
Quando si decide di avviare un qualsiasi tipo di discorso è fondamentale:
  • pianificare preventivamente ciò che si vuol dire;
  • porre attenzione al contenuto di ciò che si sta dicendo;
  • non lasciarsi distrarre da stimoli esterni (ambiente, interlocutore, pensieri, etc);
  • attivare il sistema muscolare e respiratorio, affinché vi sia una corretta coordinazione tra respiro e voce ed un’adeguata co-articolazione dei fonemi;
  • utilizzare in modo adeguato la comunicazione non verbale (gesti, espressioni) e tutti i tratti sopra-linguistici (volume, tono, ritmo etc.).
Insomma… parlare è veramente un’attività complessa.
 
Cos’è la balbuzie?
La balbuzie, o disturbo della fluenza verbale, è un disturbo del linguaggio caratterizzato da alterazioni del ritmo della parola, dette disfluenze, in cui il linguaggio diventa meno fluente a causa di arresti, ripetizioni e/o prolungamenti involontari di un suono. L’Organizzazione Mondiale della Sanità definisce ‘’la balbuzie come un disordine del ritmo della parola, nel quale la persona sa con precisione ciò che vorrebbe dire, ma nello stesso tempo non è in grado di dirlo’’.
Le ripercussioni di tale disturbo sulla comunicazione, sulle relazioni sociali e sulla sfera emotiva di un individuo sono fortissime con spesso conseguenti disturbi d’ansia, fobia sociale, insicurezza e scarsa autostima.
 
Qual è la causa della balbuzie?
Recentemente, è stata proposta dal dott. Mario D’Ambrosio, psicologo e psicoterapeuta esperto nell’ambito dei disturbi della fluenza, una teoria rivoluzionaria, che spiega la balbuzie in termini cognitivi; se un tempo si pensava che la balbuzie fosse solo conseguenza di un trauma psicologico o di un cattivo accordo tra respiro e voce, il nuovo modello teorico identifica nell’azione inefficace del sistema esecutivo (funzioni esecutive) la causa delle disfluenze.
Secondo questa teoria esiste, nel nostro cervello, un “processore”, localizzato nel lobo frontale (e suoi circuiti), che svolge il compito di organizzare, controllare e correggere la verbalizzazione; se questo sistema è debole, o semplicemente immaturo, sarà incapace di gestire la regolarità del flusso verbale.
Se è vero che alla base della balbuzie c’è una debolezza nell’interazione tra sistema esecutivo ed i centri deputati al linguaggio è altrettanto vero che a monte il fattore genetico potrebbe pesare non poco sull’eziologia del disturbo. Tuttavia, ad oggi non è stato ancora identificato l’eventuale ‘’gene della balbuzie’’. Quello che è certo è che si riscontra, in modo statisticamente significativo, familiarità per questo disturbo.
Un altro fattore predisponente sembra essere il sesso. Studi dimostrano che il disturbo colpisce quattro volte di più i maschi rispetto alle femmine; ma mentre tra gli adulti il rapporto maschi/femmine risulta essere di 4M:1F, in prossimità dell’esordio non si evidenziano differenze, suggerendo che il fenomeno del recupero spontaneo è più frequente nelle bambine che nei bambini.
La balbuzie esordisce tipicamente nell’infanzia e può accompagnare l’individuo per tutto il resto della vita. Studi recenti collocano l’esordio approssimativamente attorno ai 33 mesi. Il 68% dei casi esordisce entro i 3 anni, ma il 95% dei bambini con balbuzie manifesta il disturbo entro i 48 mesi. In questa fascia di età i bambini si trovano nel pieno esordio del linguaggio e iniziano a sperimentarlo, a sviluppare discorsi e a tradurre pensieri in parole; può essere, pertanto, normale che ‘’la parola non riesca ad andare alla stessa velocità dei pensieri!’’. Non è un caso, quindi, che tale esordio avvenga in concomitanza con un periodo altamente critico per il bambino in termini di sviluppo e maturazione delle abilità linguistiche, cognitive e motorie.
In questa fase è difficile distinguere quali saranno i bambini che struttureranno una vera e propria balbuzie cronica e chi invece presenta una forma fisiologica transitaria (il 10% dei bambini). Infatti, molti bambini nel periodo dello sviluppo psico-motorio, possono presentare discorsi inframmezzati da esitazioni, ripetizioni o prolungamenti di sillabe e di suoni; non sempre però si tratta di balbuzie croniche. Ciò che distingue le disfluenze del balbuziente dalle disfluenze fisiologiche del bambino non-balbuziente è un insieme di caratteristiche legato alla frequenza, alla collocazione, ai fattori predisponenti e alla durata.
Le disfluenze transitorie solitamente hanno una durata di 3-6 mesi. Le remissioni spontanee potrebbero essere spiegate con lo sviluppo del sistema attentivo ed esecutivo e del linguaggio stesso. Se la presenza di disfluenze persiste oltre i 6 mesi si parla di balbuzie cronica.
 
E’ possibile individuare precocemente una balbuzie cronica?
È di estrema importanza rilevare gli indici o fattori prognostici primari e secondari che ci possano aiutare a individuare precocemente i soggetti che svilupperanno una balbuzie cronica.
Tra i fattori prognostici primari si ricordano:
  • storia familiare di balbuzie
  • genere: maschio o femmina;
  • età d’insorgenza;
  • evoluzione temporale;
  • tempo trascorso dall’insorgenza del disturbo;
  • quantità di unità ripetute e intervalli silenti;
  • prolungamenti e blocchi.
I fattori secondari pongono attenzione su:
  • gravità della balbuzie;
  • abilità fonologiche;
  • abilità di linguaggio espressivo.
 
Non si tratta di un disturbo di matrice psicologica?
Non si può negare che la maggior parte dei pazienti con balbuzie soffra di disturbi d’ansia. Secondo il DSM-5 nel disturbo della fluenza con esordio nell'infanzia può svilupparsi ansia anticipatoria verso la balbuzie. L'ansia è uno dei fattori psicologici più ampiamente osservati e studiati della balbuzie e, in particolare, alcuni studiosi hanno dimostrato un tasso allarmante di disturbo d'ansia sociale tra i balbuzienti. Alcuni ricercatori hanno avviato una serie di studi per approfondire i rapporti esistenti tra balbuzie e Fobia Sociale. Tale associazione ancora non è chiara ed i dati sulla prevalenza di questo disturbo in soggetti balbuzienti sono ancora limitati; è però evidente, nella pratica clinica, come spesso le due condizioni possano coesistere.
In altre parole, si pensa che il disturbo psicologico sia una conseguenza e non una causa della balbuzie.
 
La balbuzie è uguale per tutti?
La gravità della balbuzie varia da persona a persona e, anche nello stesso soggetto, da condizione a condizione (contesto, emotività, interlocutore etc.). Va, inoltre, sottolineato un altro elemento importantissimo: la balbuzie è fortemente legata alla percezione soggettiva che il soggetto ha di sé e del proprio modo di parlare. Molto spesso il balbuziente ha una percezione distorta del proprio eloquio, che viene percepito in modo nettamente peggiore di quanto effettivamente esso sia agli ‘’occhi’’ degli altri; tale condizione provoca un circolo vizioso in cui il proprio giudizio e l’idea del giudizio altrui influisce sul proprio stato emotivo, incrementando il livello di ansia ed incidendo negativamente sulla propria performance.

Si ‘’guarisce’’ dalla balbuzie?
La balbuzie è un disturbo cronico permanente che si manifesta in modo irregolare durante tutta la vita; ciò che si può fare è imparare a gestirlo! Molto spesso il primo passo, nella presa in carico del paziente balbuziente, è lavorare sull’accettazione e sulla conoscenza del suo eloquio al fine di avere maggiori strumenti per gestirlo.
Gli step di un percorso logopedico mirato alla balbuzie possono essere così sintetizzati:
  1. Individuare le situazioni, gli interlocutori ed i propri stati d’animo che incrementano la disfluenza;
  2. Potenziare e stimolare il circuito cognitivo responsabile delle disfluenze (training cognitivo sul sistema esecutivo ed attentivo);
  3. Fornire al paziente una strategia utile e personalizzata che lo aiuti a gestire e controllare il ritmo del proprio eloquio.
Incrementare la percentuale di momenti in cui il paziente fa esperienza positiva e riesca a gestire la fluidità della propria verbalizzazione sarà fondamentale per incrementare il senso di adeguatezza dello stesso, incrementare sicurezza nelle proprie potenzialità e vivere più serenamente le interazioni sociali.
E’ fondamentale pertanto introdurre parallelamente il percorso logopedico ad un percorso psicologico.
 

Bibliografia

Scacco alla balbuzie in sette mosse. Manuale di autoterapia e homework di Mario D'Ambrosio
Balbuzie e cluttering. Le nuove prospettive di Mario D'Ambrosio
http://www.logopedistarobertaperosa.it
https://www.mediterraneosociale.it/fobia-sociale-e-disturbi-del-movimento-balbuzie-tremore-essenziale-e-morbo-di-parkinson
 

Giovàn Battista Piranesi sulla via Appia a Marino

Storia    (commenti:2) (388)
Marco Bellitto

In occasione del 300° anniversario della nascita di Giovàn Battista Piranesi, vogliamo ricordare anche a Marino la figura di uno dei più grandi incisori della storia dell’arte, con la descrizione di una sua opera su un singolare monumento della via Appia a Frattocchie. Nella maestosa produzione di opere che va dalle “Vedute di Roma”, a “Le Carceri”, in cui predomina la fantasia dell’autore, sino a quelle “Antichità di Albano e Castel Gandolfo” del 1764 dove questo antico sepolcro è ben descritto e raffigurato (Cap. X tav. XXVI), un mausoleo in “opus quadratum” che gli archeologi dell’Ottocento, come lo stesso Tambroni scopritore dei resti dell’Antica Bovillae, non avevano considerato come possibile tomba.
 
Così, infatti, lo descrive Piranesi con un piccolo errore di valutazione sulla sua posizione (est –ovest) rispetto alla via Appia: “Allontanandomi poi due miglia da Albano nell’istesso mio ritorno a Roma, incontrai parimente su la via Appia, a man sinistra, l’antico sepolcro, che ho delineato e posto alla testa della presente descrizione. Anche questo stimai di delineare; imperocchè, sebbene è spogliato d’ogni ornamento, nondimeno è considerabile per la maniera tenuta dell’Architetto nel connettere l’ultimo ordine delle pietre A con i cunei B della volta”. La forma di tale sepolcro ricorda la stessa tomba di Ciro il Grande, oggi sito dell’Unesco, a Pasargade in Iran, e non è improbabile che proprio Giulio Cesare, profondo conoscitore della storia di quel grande condottiero, descritta da Senofonte nell’ “Anabasi”, possa aver fatto edificare una tomba dedicata alla Gens Giulia di Bovillae proprio su quel modello orientale nel terreno della villa rustica del suo amico Tito Sestio Gallo.
 
A tal riguardo, anche lo stesso Raffaele Fabretti ricorda come un’epigrafe proveniente dagli scavi a Bovillae e oggi esposta nella Sala del Fauno dei Musei Capitolini, descriva una tomba ed un altare fatti restaurare dal Divo Augusto al suo fido liberto Astrapton nei pressi del Sacello della Bona Dea edificato sullo stesso terreno: “VOTO SUSCEPTO BONAE DEAE ASTRAPTON AUG. CAES. VILLICUS AEDICULAM ARAM SEPTUM CLUSUM VETUSTATE DIRUTA REST.”. Lo stesso luogo è raccontato da Cicerone nella “Pro Milone” in riferimento all’attentato a Milone, dove proprio Clodio trovò la morte nella sera del 18 gennaio del 52 a. C..Con molta probabilità , questo luogo così sacro alla Gens Giulia di Bovillae, come testimonia anche Svetonio a proposito della morte di Augusto nel 18 agosto del 14 d.C. “Vita dei Cesari , Augusto 99, 100“ di come il cadavere fosse trasportato dai decurioni da Nola a Bovillae e nella notte deposto probabilmente su quell’altare fatto da lui stesso restaurare qualche anno prima, prima di essere condotto a spalla dai cavalieri sino alla sua sepoltura in Roma.(Marco Bellitto “A spasso per Frattocchie… cap. III, Le Tombe, pag. 25).
 
L’importanza di questo monumento, che oggi ricordiamo con la descrizione della magnifica incisione del Piranesi, deve far riflettere gli organi competenti sullo stato attuale del sito che risulta abbandonato e in pessime condizioni di degrado.

La Raccolta Differenziata nei Condomìni - Prima Parte

Condominio Cafe'    (commenti:1) (634)
Antonella Ruiu

Gentili lettori,
lo scopo di questo articolo è di offrire una chiave di lettura ad un argomento che ci riguarda tutti da vicino:
La raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani”.
 
Il punto di vista è quello condominiale, un mondo ad oggi purtroppo ancora poco conosciuto nella sua vasta complessità e nella sua interezza che si differenzia da edificio a edificio, da assemblea ad assemblea.
 
Il servizio della raccolta differenziata porta a porta è ormai attivo nel Comune di Marino dal 2018, anche se solo nel 2019 è stata completata la copertura su tutto il territorio.
Territorio che, per estensione, conformazione e popolosità si diversifica e si caratterizza estremamente eterogeneo.
La raccolta porta a porta è stata affidata dal Comune alla società Multiservizi dei Castelli di Marino S.p.a. che in questi anni per il tramite dei propri operatori ha consegnato alla popolazione il kit dei mastelli per il conferimento dei rifiuti.
 
Per le abitazioni private o per i Condomìni di piccole dimensioni fino a un massimo di 8 unità, sono stati consegnati i kit dei mastelli ai singoli utenti; per i Condomìni sopra alle 8 unità immobiliari sono stati consegnati i mastelli più grandi a servizio dell’edificio intero.
La gestione dei mastelli condominiali (carrellati) concessi in comodato d’uso presenta diverse criticità:
 
1 – La responsabilità:
I mastelli per la raccolta porta a porta sono beni di utilizzo diretto dei condomini che gravano su parti comuni e pertanto gli stessi se ne devono assumere in solido le relative responsabilità in quanto sono i condomini nella qualità di persone singole e, non il Condominio, a sostenere il costo del servizio di raccolta porta a porta tramite il pagamento della Tarsu all’ente comunale.
 
2 – L’igiene:
Cura, manutenzione e lavaggio dei contenitori dei mastelli sono a carico dei condomini che beneficiano del servizio di conferimento; l’assemblea potrebbe chiedere all’amministratore di provvedere a tale adempimento addebitando il costo ai condomini che sono titolari dell’utenza Tarsu; ovviamente sono a carico del gestore la manutenzione e sostituzione dei contenitori dovuta a rotture, deperimento, usura e a cause non imputabili all’utente.
 
3 – L’informativa:
Come vanno effettuati i conferimenti dei rifiuti è a cura del gestore del servizio, che consegna agli utenti le informazioni sulla raccolta al momento della consegna dei mastelli; l’amministratore può, su richiesta dei condomini, affiggere nella bacheca condominiale l’opuscolo informativo con giorni e regole di conferimento.
 
4 – L’area di collocamento:
Negli immobili dove non sia già stata prevista un area, in fase di costruzione, è compito dell’assemblea decidere, con il voto favorevole della maggioranza dei condomini presenti o per delega, il luogo idoneo ove collocare all’interno del Condominio i mastelli per la raccolta della differenziata. I mastelli vanno custoditi in aree di pertinenza condominiale e facilmente accessibili da parte degli operatori che curano il servizio di raccolta. E’ possibile esporre su strada i mastelli, negli orari di raccolta, solo per l’intervallo di tempo necessario agli operatori ad effettuare il ritiro. Rimane vietato lo stazionamento su strada dei mastelli per la raccolta differenziata.
 
5 – L’errato conferimento:
Il caso di errato conferimento dei rifiuti o di abbandono degli stessi al di fuori dei mastelli, il mancato rispetto di giorni e orari di conferimento può comportare la sospensione del servizio di ritiro da parte del gestore sino alla irrogazione di sanzioni amministrative a carico del Condominio. Ad ogni modo si sottolinea che se i condomini non rispettano le norme sulla raccolta differenziata la responsabilità non è ascrivibile all’amministratore che, in nessun caso, può essere ritenuto responsabile di tali comportamenti omissivi. Infatti non è compito dell’amministratore verificare il corretto conferimento dei rifiuti, né può elevare multe ai condomini che non rispettano le norme del corretto conferimento.
 
6 – La rimozione e lo smaltimento dei rifiuti non ritirati:
Infine la rimozione dei rifiuti abbandonati non può essere assolta da altro fornitore del Condominio (es. ditta delle pulizie), ma sono i condomini che devono provvedervi personalmente andando a conferire tali materiali presso le isole ecologiche che si trovano sul territorio comunale. Ciò accade perché solo il gestore è il soggetto titolato e legittimato al ritiro dei rifiuti e solo i condomini, nella loro qualità di utenti che pagano il servizio, sono legittimati al conferimento presso le isole ecologiche autorizzate.
 
7 – I rifiuti delle persone affette da Covid:
I condomini che dovessero essere costretti a rimanere nelle proprie abitazioni a causa dell’assolvimento della quarantena prevista dalle autorità sanitarie in caso di contagio da Covid-19, devono fare richiesta presso la Multiservizi dei Castelli di Marino del kit di buste previste per il conferimento dei rifiuti speciali e del relativo opuscolo informativo in quanto, per ovvie ragioni igienico-sanitarie, il conferimento dei rifiuti viene in questi casi eseguito in modalità differenti da quelle ordinarie.
 
Questi sono i punti cardine della raccolta differenziata dei rifiuti nei Condomini sui quali tutto ruota, nel bene e nel male. Sono i punti che stabiliscono i confini netti fra obblighi, responsabilità e aumenti di spese nelle gestioni condominiali e soprattutto rappresentano la linea di confine fra chi conferisce in modo virtuoso nel condominio e chi ne approfitta per conferire in maniera “ancora poco attenta”.
 
Nel prossimo articolo, anche in base alle vostre domande, verranno analizzate le falle di un sistema che purtroppo ad oggi nei condomini ancora non funziona in maniera adeguata e che, in buona sostanza, lascia oneri e disonori sulle spalle dei condomini virtuosi, gli unici che fanno il loro dovere di civili cittadini e di rispettabili condomini. I furbetti e gli incivili purtroppo no, quelli continuano a fare quello che hanno sempre fatto.